JP Morgan: il maggiore problema di Italia e banche rimane il debito

13 Dicembre 2016, di Daniele Chicca

È il debito il problema più gravoso per l’Italia e per le sue banche. Lo sostiene l’Asset Management Global CIO di JP Morgan, Bob Michele, che in un’intervista a Bloomberg ha affrontato la questione calda dell’instabilità politica della terza potenza dell’area euro e delle sue difficoltà economiche. Gli investitori, spiega Michele, sono preoccupati da una serie di fattori tra cui “la qualità delle banche e come renderanno d’ora in avanti, come verranno gestiti i crediti deteriorati e quali saranno i contraccolpi per il governo” Gentiloni.

Anche per Stephen Isaacs, presidente della commissione per gli investimenti di Alvine Capital, il problema centrale oggi è il debito accumulato dal sistema bancario italiano e il danno alla fiducia della banche che ne deriva. “Nel settore bancario tutto dipende dalla fiducia. Una volta persa la fiducia, ci si trova in difficoltà”. Per questa ragione, Isaacs reputa “improbabile” che il piano di ricapitalizzazione di Mps possa avere un buon esito. “A breve termine, magari in prossimità delle prossime elezioni, ci dovrà essere un salvataggio pubblico”.