Imprenditore milanese lascia 4 milioni di euro ai suoi dipendenti

4 Luglio 2017, di Alberto Battaglia

Luciano Tamini, imprenditore 84enne scomparso lo scorso primo luglio, ha lasciato ai suoi operai 4 milioni di euro circa in eredità; circa 15 mila euro per operaio e 10 mila per ogni impiegato. Così si legge nel testamento alla voce dedicata alla Tamini, impresa milanese ceduta nel 2014 al gruppo Terna, “vorrei lasciare un ricordo”. A beneficiare di questo dono saranno circa 300 persone.

Tamini aveva scritto alcuni mesi fa, dopo i contrasti con Terna che l’avevano portato a perdere la carica di presidente onorario della società: “Ho compiuto 84 anni, ma come un vecchio leone vi dico che sono pronto a ruggire ancora. La Tamini è indistruttibile e non potrà finire mai. Abbiate pazienza e fiducia, un abbraccio a tutti”.