Germania, Bundesbank taglia previsioni inflazione

15 Febbraio 2016, di Daniele Chicca

La banca centrale tedesca ha rivisto al ribasso le previsioni sull’inflazione per quest’anno e il successivo. La decisione rende più difficile il compito di Jens Weidmann, che non potrà più opporre resistenza a eventuali nuove misure di stimolo di Draghi che dovrebbe potenziare il Quantitative Easing e impore tassi sui depositi ancora più negativi.

La Bce rivedrà le sue stime alla riunione di politica monetaria di marzo. Complice il crollo delle quotazioni del petrolio, le stime sui prezzi al consumo della Bundesbank per il 2016 sono state ridotte dall’1,1% allo 0,25% e all’1,75% dal 2% nel 2017.