Effetto Draghi sui bond sovrani europei: tassi ai minimi storici

21 Gennaio 2016, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Forti acquisti sui titoli di stato europei, che beneficiano delle nuove promesse di Mario Draghi, numero uno della BCE. Le prospettive di ulteriori iniezioni di liquidità da parte della Bce scatenano i buy sui bond italiani e spagnoli, a fronte dei calo dei rendimenti. In particolare, i tassi dei bond a due anni di Austria, Belgio, Francia e Finlandia scivolano ai nuovi minimi storici, risentendo dell’ammissione del banchiere centrale, riguardo alla debolezza delle dinamiche dell’inflazione nell’Eurozona.

I rendimenti dei Bund tedeschi a 10 anni scivolano fino allo 0,44%, al minimo dallo scorso 27 novembre. I tassi sui BTP decennali scendono all’1,54%, quelli spagnoli all’1,69%.

Occhio ai rendimenti dei bond olandesi a due anni, che scivolano a -0,421%.

E alla fine della giornata di contrattazioni, lo spread BTP-Bund capitola -6,87% a 108,05 punti.