Criptovalute: nuovo capo Sec invoca maggiore supervisione per proteggere investitori    

4 Agosto 2021, di Redazione Wall Street Italia

 

Da Washington a Wall Street passando per la Silicon Valley c’è un interrogativo che rimbalza nei centri economici e finanziari del Paese: qual è la posizione del presidente della Securities and Exchange Commission (Sec), Gary Gensler, in merito alle criptovalute? In una intervista rilasciata a Bloomberg Businessweek nel corso dell’Aspen Security Forum, il nuovo capo della Sec (la Consob americana) ha messo in chiaro la sua posizione. A suo avviso è necessaria una maggiore e più solida supervisione sulle cripto per proteggere i milioni di investitori che hanno riempito i portafogli di ‘token’. Una maggiore regolamentazione che può al tempo stesso aiutare le nuove tecnologie, il loro sviluppo e la loro crescita. Dichiarazioni che hanno messo e stanno ancora mettendo sotto pressione una delle principali criptovalute, il Bitcoin, che cede oltre il 2% e si muove sotto quota 38mila dollari.

Gensler: “abbiamo il ruolo come nazione di proteggere gli investitori dalle frodi”

Gensler è andato diretto al punto: “Se qualcuno vuole speculare, è una loro scelta, ma abbiamo il ruolo come nazione di proteggere gli investitori dalle frodi“. Poi ha aggiunto: “Anche se sono neutrale in tema di tecnologia, forse persino incuriosito – ho passato tre anni a insegnarla e usarla – non sono e non posso restare neutrale riguardo alla protezione degli investitori”. Per analogia, spiega ancora il numero uno della Sec, l’industria automobilistica non è decollata completamente fino a quando i governi non hanno stabilito le regole di guida. Limiti di velocità e semafori garantivano la sicurezza pubblica, ma favorivano la diffusione di massa delle auto. Gensler ha già chiesto al Congresso di approvare una legge che potrebbe conferire all’agenzia l’autorità legale per monitorare gli scambi di criptovalute, ma afferma che i poteri della Sec sono già ampi. La Sec “ha esteso e continuerà a estendere la propria autorità al massimo”, ha aggiunto.

Ancora nessuna tempistica chiara ma….

Gensler non ha ancora fornito una tempistica chiara circa l’azione della Sec, ma ha fatto sapere che ci sono almeno sette iniziative della Commissione Usa che esaminano diverse questioni legate alle cripto: tra cui le initial coin offerings (Ico), le piattaforme, la finanza decentralizzata, ma anche gli ETF e altri fondi monetari. Secondo Gensler, la regolamentazione dei crypto exchange rappresenta forse il modo più semplice per ottenere una rapida gestione del commercio di token digitali. Inoltre, secondo Gensler, se ci sono aziende che pubblicizzano uno specifico rendimento del tasso di interesse sulle cripto asset potrebbe portare i prestiti sotto la supervisione della Sec.