13:54 martedì 29 Giugno 2021

Codacons: “Bene lo stop al cashback, misura mai decollata”

Plaude il Codacons allo stop al “Cashback”, una misura che non ha mai convinto pienamente i consumatori e che finora non è decollata, come dimostrano i numeri sulle adesioni da parte degli italiani commenta l’associazione dei consumatori.

Oggi solo il 14,8% dei cittadini, circa 8,9 milioni di persone, ha aderito al programma che prevede il rimborso delle spese effettuate con pagamenti elettronici – spiega il Codacons – Alla base dello scarso successo della misura, una procedura troppo macchinosa e problemi tecnici che, specie in occasione dell’extra Cashback di Natale, hanno disincentivato i consumatori. Per non parlare poi dei mancati rimborsi dovuti a transazioni non riconosciute dal sistema, o dell’ostruzionismo di molti esercenti che, ancora oggi, non permettono ai propri clienti di utilizzare il Pos e spingono i cittadini ad utilizzare il contante.

Ci aspettiamo ora dal Governo Draghi interventi per combattere efficacemente l’evasione fiscale e per incentivare l’utilizzo dei pagamenti elettronici azzerando costi e commissioni per esercenti e consumatori, e sanzionando pesantemente chi non consente agli utenti di pagare con carte di credito e bancomat – conclude il Codacons.

 

Breaking news

17:39
Piazza Affari chiude a -0,6%, Saipem sugli scudi (+4%)

Finale negativo a Piazza Affari, con Saipem in controtendenza. A Wall Street focus sulla Fed in attesa delle minute e dei conti di Nvidia

16:29
Wall Street, apertura cauta: S&P -0,15%

Apertura poco mossa dei mercati a Wall Street in attesa della trimestrale di Nvidia e dei verbali della Federal Reserve.

15:30
Nintendo acquisisce lo sviluppatore di videogiochi Shiver Entertainment

Il colosso giapponese dei videogiochi Nintendo ha annunciato l’acquisto dello sviluppatore americano Shiver Entertainment da Embracer Group, con impatto minimo sui risultati finanziari dell’anno fiscale in corso.

15:29
Petrolio, prezzi in calo: Brent a -1,42%, WTI scende dell’1,59%

I futures sugli indici petroliferi registrano un calo a causa delle previsioni di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti per un periodo prolungato, influenzati dall’inflazione persistente. Il Brent e il WTI hanno visto una diminuzione, mentre la Federal Reserve attende segnali più chiari di un rallentamento dell’inflazione prima di considerare riduzioni dei tassi.

Leggi tutti