BT e lo scandalo italiano: Andrea Bono al posto del dimissionario Corrado Sciolla

27 Gennaio 2017, di Laura Naka Antonelli

Resi noti i risultati di bilancio del quarto trimestre di BT (British Telecom), pochi giorni dopo il profit warning lanciato dall’azienda britannica, a causa delle conseguenze di uno scandalo italiano. L’annuncio di BT ha portato il titolo a crollare alla borsa di Londra di -20% circa.

BT ha annunciato che, a seguito dello scandalo, Corrado Sciolla, che ha guidato il business dell’Italia dal 2004 al 2013 per poi diventare presidente di BT Global Services Europe, lascerà l’azienda. Sciolla sarà sostituito, stando a quanto riporta Reuters, da Andrea Bono.

Bt ha chiuso il trimestre con utili in calo del 53% a 374 milioni di sterline, sulla scia di svalutazioni che hanno pesato per 245 milioni di sterline, legate proprio al caso Italia. L’EBITDA è stato di 1,62 miliardi e il fatturato su base adjusted di 6,13 miliardi di sterline, in linea con le attese del consensus. L’utile per azione di BT si è più che dimezzato. I numeri sono comunque in linea con le attese degli analisti.