Borse globali deragliano tra caduta immobiliare Cina e attese tapering

20 Settembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Mercati azionari europei sotto stress a inizio settimana con i principali indici scivolati ai minimi a circa due mesi. Le Borse UE seguono il ribasso delle azioni asiatiche (-3,3% l’Hang Seng, ai nuovi minimi annui) con gli investitori che guardano agli sviluppi del caso Evergrande e temono che le principali banche centrali, a partire dalla Fed, inizino a dare indicazioni sulla riduzione dei loro programmi di stimolo.

A spingere la negatività sui mercati contribuiscono le preoccupazioni per la Cina poiché Evergrande scende ulteriormente (altro -14% oggi) e le preoccupazioni per il contagio aumentano, con altri nomi immobiliari sotto i riflettori come potenziali vittime di contraccolti. L’indice immobiliare Hang Seng è crollato del 6,6% con tonfi a doppia cifra per Henderson Land, sceso del 12%, Sun Hung Kai Properties è invece crollata del 9,1%.

Dax e Ftse Mib a oltre -2%, banche sotto pressione 

L’indice Euro Stoxx 600 cede l’1,55% energetici e minerari tra i settori più in affanno in virtù della caduta dei prezzi delle materie prime. Molto male anche il settore bancario. Cali nell’ordine del 2% per il Dax che da oggi passa a 40 componenti a 40 dai che storicamente hanno caratterizzato l’indice guida tedesco.

Oltre -2% anche per il Ftse Mib che viaggia sui minimi da fine luglio. Banche in forte affanno con circa -3,5% per Unicredit e Bper. Molto male anche Banco Bpm (-3,35%) con il ceo di Banco BPM, Giuseppe Castagna, che ha rimarcato in un’intervista al Corriere di non aver mai parlato con Unicredit circa una possibile fusione da quando a piazza Gae Aulenti c’è il nuovo ceo Orcel. Castagna ha anche detto che al momento non sembrano esserci presupposti per operazioni di M&A e il nuovo piano arriverà entro novembre.

Giù di oltre il 4,5% ENI che oggi ha staccato l’acconto cedola 2022 di 0,43 euro per azione.

Limita i cali DiaSorin (-0,69%) che ha lanciato il nuovo test Simplexa™ COVID-19 & Flu A/B Direct nei paesi che accettano la marcatura CE. Il test permette l’identificazione qualitativa e la differenziazione in vitro dei segmenti di RNA del SARS-CoV-2 e dei virus dell’influenza A e B.

Attesa per mosse Fed

Questa settimana riflettori puntati sulla Federal Reserve. La banca centrale americana annuncerà mercoledì sera la sua decisione di politica monetaria a cui seguirà la conferenza stampa del governatore Jerome Powell. La Fed potrebbe chiarire le sue intenzioni in termini di tapering, ovvero la graduale riduzione degli acquisti di obbligazioni, anche se gli indicatori economici delle ultime settimane, soprattutto sull’inflazione, potrebbe incoraggiarla a rinviare un qualsiasi annuncio alla prossima riunione. Oltre alla Fed, nei prossimi giorni sono previste le riunioni di altre banche centrali, tra cui quella di Giappone, Regno Unito, Svizzera e Norvegia. Quest’ultima potrebbe quindi essere la prima banca ad aumentare il tasso di interesse di riferimento dall’inizio del coronavirus.