Borse Asia in calo, Tokyo chiusa per festa nazionale

11 Agosto 2016, di Alessandra Caparello

TOKYO (WSI) – Oggi il Giappone celebra la festa della montagna e per l’occasione la borsa di Tokyo è chiusa. Ma come stano le borse asiatiche? La seduta è contrastata soprattutto a causa del crollo dei corsi del greggio e mercoledì il future sul WTI aveva chiuso a New York con una flessione del 2,48% a 41,71 dollari il barile. A deprimi i corsi anche il dato sulle scorte Usa che sono cresciute di 1,055 milioni di barili contro le attese degli analisti per un declino pari a 1,025 milioni e il dato sulla produzione dell’Arabia Saudita in aumento a luglio di 123mila barili al giorno rispetto a giugno.

In apertura stamani l’indice MSCI, che esclude il Giappone, perde lo 0,17%. Lo Shangai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 scambiano progressi sullo 0,30% a allo 0,60%, in negativo invece lo Shenzhen Composite che si muove su un calo di circa lo 0,30%. A Hong Kong invece la seduta è tra le migliori con l’Hang Seng che scambia in progresso di oltre lo 0,70% e infine a  Seoul il Kospi ha segnato un declino dello 0,20% al termine degli scambi.

Sul terreno delle materie prime, in declino è l’oro mentre il rame è in rialzo marginale. Il nichel a Londra invece sfiora un deprezzamento dell’1%.