Borsa: Rcs -7%. Per il gruppo del Corriere soluzione Cairo?

3 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Performance incerta oggi a Piazza Affari per l’Espresso e Rcs dopo i brillanti risultati di ieri raggiunti in seguito all’annuncio della nascita di novo polo dell’editoria Repubblica-Stampa, attraverso un accordo tra la Cir di Benedetti e FCA.

Mentre L’Espresso arriva a toccare +1%, dopo +7,21% di ieri il titolo Rcs oggi perde oltre sette punti percentuali a 0,5635 euro. La notizia che Fca distribuirà ai propri soci il 16% attualmente in suo possesso ed Exor, a sua volta, cederà sul mercato la propria quota del 5% non è certo positiva per Rcs, come sottolineano gli analisti di Equita Sim.

“Il gruppo Fiat/Exor si disimpegna dall’azionariato e perchè si crea overhang sul titolo, seppure la distribuzione di azioni da parte di Fiat sia nel primo trimestre 2017. Con il disimpegno del principale azionista di riferimento del gruppo di fatto Rcs diventa realmente contendibile e riteniamo importante verificare chi sarà il nuovo azionista di riferimento del gruppo”.

La soluzione potrebbe essere l’aggregazione con il gruppo Cairo.

Il gruppo Cairo ha forte credibilità nel generare efficienze, che potrebbero emergere se prendesse il controllo di Rcs, e ha una cash position per circa 100 milioni e quindi il nuovo gruppo avrebbe un leverage inferiore a 2,5 volte l’ebitda”.