Bce verso nuovi stimoli: Weidmann non ha diritto di voto a marzo

22 Gennaio 2016, di Daniele Chicca

Una ragione valida in più – oltre alla disponibilità di nuove previsioni su economia e inflazione fino al 2018 – per credere in nuove misure di stimolo monetario da parte della Banca centrale europea alla riunione di marzo, come ventilato da Mario Draghi ieri, è che Jens Weidmann, il falco numero uno della Bundesbank tedesca che spesso si è opposto all'”interventismo” del suo banchiere centrale, non ha diritto di voto nelle riunioni di marzo e agosto.