Bankitalia: risparmio accumulato dalle famiglie potrebbe sostenere consumi

4 Novembre 2021, di Alberto Battaglia

“Secondo l’Indagine straordinaria sulle famiglie italiane, si è ovunque ridotta nel corso dell’anno la quota di famiglie che prevedono di contrarre i consumi essenziali; nel Centro Nord è diminuita da aprile anche la percentuale dei nuclei che ritengono il proprio reddito inferiore ai livelli pre-pandemia”: è quanto scrive la Banca d’Italia nel rapporto sulle economie regionali.

“In tutte le aree il risparmio accumulato è stato in larga parte indirizzato verso strumenti finanziari liquidi, quali i depositi, che potrebbero sostenere i consumi in fase di ripresa e il pagamento delle rate dei debiti, al termine delle moratorie sui prestiti alle famiglie”.

“Secondo nostre stime, in Italia nel 2020 la ricchezza totale netta, ossia il valore
delle attività finanziarie e reali al netto delle passività, è aumentata a 8,6 volte il reddito
disponibile lordo, soprattutto per il calo di quest’ultimo”.