Banca del Giappone: “c’è spazio per altri tagli dei tassi”

16 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

TOKYO (WSI) – La Banca giapponese non agirà seguendo gli esempi della Banca centrale europea, che ha deciso di azzerare i tassi, ma in teoria si potrebbe arrivare ad un taglio fino al -0,5 % in Giappone.

“Guardando gli esempi in Europa in teoria vi è spazio sufficiente per nuovi tagli dei tassi” che porterebbero ulteriormente in territorio negativo il costo del denaro, ma “non dipenderemo da quello che fa l’Europa e al livello a cui si trovano lì i tassi”.

Dopo aver deciso di esentare dai tassi negativi gli MRF (Money reserve funds), circa 90 miliardi di dollari in strumenti monetari a breve e a basso rischio a cui sarà applicato un tasso zero da maggio, il numero uno della Banca del Giappone, Haruhiko Kuroda ha affermato che non c’è spazio per esenzioni in altri comparti.  Il settore degli MRF aveva chiesto che i fondi venissero risparmiati dai tassi negativi, avvertendo dei rischi per le transazioni sull’azionario.