NameTag: App stalker che viola la privacy riconoscendoti per strada

14 Gennaio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Le autorità dovranno fare attenzione a NameTag, una nuova App che potrebbe rompere tutte le barriere della privacy. Uscirà a breve, entro fine anno, su tutti gli smartphone, e permetterà agli utenti di fotografare sconosciuti per strada riconoscendo i dati personali di base.

Con una foto si potrà abbinare il volto al profili presente nei vari social media.

Attualmente è disponibile per Google Glass, come riporta Iacknowledge. Google aveva inutilmente promesso di non perseguire nello sviluppo di software di riconoscimento facciale in seguito alle preoccupazioni circa la privacy e la sicurezza dell’utente.

Tuttavia ora le cose sembrano essere cambiate. I programmatori di FacialNetwork.com hanno annunciato con un certo orgoglio che “NameTag permette di collegare il viso di una persona ad una presenza online, aggiungendo informazioni su questa, come i profili che ha sui social network, gli interessi, gli hobby, le passioni e molto altro”.

Praticamente funzionerà come una vera e propria ricerca online, leggendo all’istante chi si ha davanti e le varie notizie o foto che hanno, eventualmente, pubblicato. Il tutto se sono pubbliche. Perché è questo l’importante, se una persona infatti non intende condividere foto e informazioni queste non compariranno.

Potenzialmente però si tratta anche di un qualcosa che potrebbe risultare molto utile per individuare, ad esempio, persone sospette.

Insomma staremo a vedere, sicuramente si tratterà di un ulteriore passo verso l’addio definitivo alla privacy e un ulteriore modo per essere sempre più connessi tra di noi.