Musk vende un altro pacchetto di Tesla per $ 1,05 miliardi

25 Novembre 2021, di Mariangela Tessa

Elon Musk alleggerisce ancora la sua posizione in Tesla. L’ultima mossa è di martedì 23 novembre, quando il patron della casa produttrice di auto elettriche si è sbarazzato di un pacchetto di azioni per 1,05 miliardi di dollari attraverso l’esercizio di opzioni.

È la quarta volta che Musk esercita opzioni per acquistare stock option, che gli sono state assegnate come parte di un pacchetto di compensazione nel 2012. Ogni volta il ceo ha venduto 943.091 azioni e ha acquisito nuove azioni al momento dell’esercizio. Martedì Musk ha quindi esercitato altri 2,15 milioni di stock option: cioè ha acquistato 2,15 milioni di azioni al prezzo di esercizio di 6,24 dollari e ha poi venduto altre 934.091 azioni, principalmente per pagare le imposte sul reddito.

Musk: cosa c’è dietro le vendite

Tutta l’operazione sembra essere stata programmata e, secondo alcuni analisti, avrebbe ben poco a che fare con i risultati di un sondaggio lanciato da Musk su Twitter. Poche settimane fa, il patron di Tesla aveva chiesto se dovesse vendere il 10% della sua partecipazione nel gruppo delle auto elettriche di fronte alla possibilità che il Senato statunitensi approvi una legge che prevede di tassare gli utili non realizzati delle partecipazioni dei 700 americani più ricchi del paese. Oltre 4 milioni di utenti hanno votato e il “sì” ha prevalso con il 58%.

Musk ha legato il sondaggio al tema delle plusvalenze (“unrealized gains”) come sistema per evitare di pagare le tasse, di cui si sta parlando molto negli Stati Uniti . Gli “unrealized gains” di cui parla Musk sono i guadagni legati all’aumento di valore delle azioni, guadagni che esistono sulla carta ma che negli Stati Uniti non sono tassabili fino a che le azioni non vengono vendute generando liquidità. Il tema è molto discusso oltreoceano  per via di una proposta del partito Democratico di creare una nuova tassa sulle plusvalenze per le persone particolarmente facoltose.

In ogni caso, con le cessioni più recenti, Musk ha ora scaricato 9,2 milioni di azioni e raccolto circa $ 9,9 miliardi. Una parte di quei soldi servirà per pagare le tasse. Per raggiungere la soglia del 10%, l’imprenditore dovrebbe vendere circa 17 milioni di azioni, ovvero circa l’1,7% delle azioni in circolazione della società. 

Secondo il Billionaires Index di Bloomberg, Musk è l’uomo più ricco al mondo con un patrimonio netto di 294 miliardi di dollari. Da inizio anno, il titolo Tesla ha segnato una crescita del 50% (+94% su base annua).