MPS: nel cda due nomi discutibili scelti dal Tesoro

29 Novembre 2017, di Alessandra Caparello

SIENA (WSI) – Paolo Salvadori e Raffaella Fantini sono i due nomi che il Tesoro avrebbe piazzato nel collegio sindacale del Monte dei paschi di Siena. Come scrive Il Giornale si tratta di due profili discutibili.

“Il primo, Paolo Salvadori, è imputato a Milano per due reati assai connessi con l’attività di un sindaco: falso in bilancio e aggiotaggio (…) Per il secondo posto il ministero ha scelto Raffaella Fantini. Nessun problema con la giustizia, ma un curriculum dove contano più i natali che le esperienze: Fantini è una commercialista di Firenze (abilitata alla professione all’Università di Cosenza) sindaco o revisore in alcune società emiliane e toscane. Ma dal 2016 è sindaco all’Inpgi (l’istituto previdenziale dei giornalisti) e dal 2017 di Coni Servizi spa: due posti connessi con le deleghe di Luca Lotti all’editoria (all’Inpgi è stata designata dalla presidenza del Consiglio) e allo Sport (di cui Lotti è ministro). In altri termini: Giglio magico”.

Completa il quadro delle nomine per la presidenza del collegio sindacale di Mps, che, per governance, spetta alla minoranza e le Generali, che hanno il 4% hanno indicato Elena Cenderelli, che è il presidente uscente.

Il nuovo consiglio di amministrazione di Monte dei Paschi di Siena sarà votato il prossimo 18 dicembre dall’assemblea dei soci. I posti del board saranno aumentati da 13 a 15, per fare spazio a Generali, il secondo azionista dell’istituto senese dietro al Tesoro che ha confermato la sua fiducia al presidente Alessandro Falciai e all’amministratore delegato Marco Morelli, e a altri membri del board.