Modello Oxford economics “prevede” vittoria di Biden su Trump con il 65% dei voti

20 Maggio 2020, di Alberto Battaglia

Se l’andamento dell’economia statunitense non recupererà presto il suo ritmo le possibilità che Donald Trump possa essere rieletto a novembre saranno molto basse: ad affermarlo è un modello di previsione di Oxford Economics che in passato ha funzionato 16 volte su 18 elezioni presidenziali.

Il modello è basato sul lavoro dell’economista di Yale, Ray Fair, e incorpora al suo interno soprattutto alcuni indicatori economici quali l’andamento dell’inflazione, il tasso di disoccupazione e il reddito disponibile delle famiglie corretto per l’inflazione. Nessuno di questi dati macroeconomici sembra sorridere a Trump, ora che l’emergenza coronavirus ha profondamente colpito l’economia statunitense. Il tasso di disoccupazione è passato dal 3,5%, un dato vicino ai minimi da mezzo secolo, al 20%. Secondo Oxford Economics il dato difficilmente scenderà sotto il 10% prima delle elezioni.

Secondo l’istituto di ricerca economica la previsione per le prossime elezioni presidenziali, alla luce del contesto economico in cui queste avranno luogo, vedrebbe prevalere Joe Biden con il 65% dei consensi. Uno scarto abissale che lascerebbe poche speranze a Trump. Prima che la pandemia colpisse gli Stati Uniti, lo stesso modello predittivo proiettava una vittoria con il 55% dei voti per il tycoon newyorchese.

Andando nel dettaglio delle assegnazioni dei grandi elettori, Oxford Economics ora prevede che una serie di Paesi chiave (Iowa, Wisconsin, Michigan, Pennsylvania, Ohio, Missouri e Carolina del Nord) ribalteranno la maggioranza che i Repubblicani si erano conquistati nelle precedenti presidenziali. Ciò porterebbe a Biden un pacchetto di 328 Collegi elettorali contro i 210 di Trump.

I dati del modello sono chiaramente influenzati dall’impatto anomalo del coronavirus sugli indicatori economici e difficilmente Biden potrà realmente portare a casa il 65% dei voti. In ogni caso, afferma Oxford Economics “la forma che prenderà la ripresa dalla recessione indotta dal coronavirus potrebbe essere cruciale per le speranze di rielezione di Trump”.

Secondo la media dei sondaggi elaborata da RealClearPolitics lo scarto che attualmente divide Trump da Biden è di 4,7 punti percentuali, a favore del candidato Democratico. Rispetto a inizio marzo, tuttavia, il margine di vantaggio di Biden non è cambiato molto: è sceso, anzi, di 0,8 punti.