Modello 730: verso proroga della scadenza al 31 ottobre

21 Giugno 2021, di Mariangela Tessa

La dichiarazione dei redditi con il Modello 730 che già dall’anno scorso era stata rinviata alla fine di settembre per aiutare i contribuenti durante la pandemia, potrebbe subire un ulteriore spostamento in avanti. All’interno del governo, secondo indiscrezioni riportate dal Messaggero, ci sarebbe l’intesa per prorogare i termini di consegna del Modello 730 dal 30 settembre al 31 ottobre.

Secondo quanto riporta il quotidiano romani, la scelta punterebbe ad alleggerire non solo gli obblighi fiscali ma anche ad evitare il rischio di ingorgo nei Caf, i centri di assistenza fiscale, che dal primo luglio saranno alle prese con l‘introduzione dell’assegno unico per i figli, una riforma che comporta ulteriori impegni per chi in questo periodo si occupa di dichiarazioni dei redditi.

Modello 730: platea di 18 milioni di contribuenti

Il modello 730 riguarda complessivamente 18 milioni di contribuenti, perlopiù lavoratori dipendenti e pensionati: si tratta di categorie che già versano le imposte mensilmente e spesso quindi la dichiarazione dei redditi prevede un rimborso che avviene il mese successivo alla presentazione, che avviene con una compensazione in busta paga o sul rateo di pensione.

Chi ha bisogno, , di incassare rapidamente il rimborso Irpef può presentare la dichiarazione entro giugno, ottenendo così l’accredito del rimborso nella busta paga di luglio o con la pensione di agosto e settembre.

Ne consegue, che in caso di dichiarazione presentata nel mese di ottobre 2021, l’eventuale rimborso dovuto, non potrà essere ricevuto dal dichiarante prima del mese successivo e dunque novembre.

Attesa a giorni la conferma

Sempre secondo quanto riportato da Il Messaggero, l’ipotesi relativa alla proroga nella consegna del modello 730 in Italia, potrebbe essere a breve confermata, proprio in questi giorni, mediante la pubblicazione di un apposito decreto a riguardo. Non resta dunque che attendere una conferma ufficiale.

Detrazioni fiscali solo se pagate con modalità tracciabile

Tra le novità forse più grande de Modello 730 del 2021 c’è quella che riguarda le modalità di pagamento di quelle spese che si possono scaricare nel 730. Queste difatti devono essere state pagate nel 2020 tramite versamento bancario o postale o mediante altri sistemi di pagamento tracciabili come carte di credito e debito. Non saranno quindi detraibili le spese effettuate in contanti.