Miliardari cinesi crescono e battono “i colleghi” americani

25 Febbraio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Nonostante la frenata dell’economia e l’instabilità del mercato finanziario domestico, la Cina continua a sfornare nuovi suoi super-ricchi. A tal punto che, secondo quanto emerge da uno studio di una società di analisi cinese, la Hurun, Pechino avrebbe superato New York per numero di miliardari in dollari residenti.

Nella capitale cinese ne vivono 100 contro i 95 della Grande Mela. Si tratta di un sorpasso storico, risultato dell’andamento dell’ultimo anno, periodo in cui la Hurun ha rilevato 32 miliardari in più a Pechino contro i 4 nuovi “colleghi” di New York.

Il sorpasso si rileva anche su base nazionale. Nel complesso la Cina avrebbe 568 super-ricchi (con un patrimonio da 1 miliardo di dollari in su) per una ricchezza complessiva di 1.400 miliardi di dollari contro 535 americani. Ma nella ristretta lista dei primi 10 dominano, ancora incontrastati, i Paperoni Made in Usa.

L’uomo più ricco della Cina è Wang Jianlin, presidente di Dalian Wanda Group, colosso immobiliare e recentemente il più grande gestore di sale cinematografiche al mondo, dopo l’acquisizione dell’americana Amc Entertainment e del gruppo Legendary. Wang Jianlin ha un patrimonio stimato in 26 miliardi di dollari. Ancora “briciole”, si fa per dire, se paragonato all’uomo più ricco del pianeta, Bill Gates, che ha un patrimonio di 80 miliardi di dollari.

La ricerca di oggi si pone sulla stessa linea di quella pubblicata a ottobre da Credit Suisse sulla distribuzione della ricchezza nel mondo dalla quale emergeva infatti come per la prima volta nella storia moderna la classe media cinese aveva battuto il record statunitense con 109 milioni di cittadini contro 92.

Un dato ancora più significativo se ci si ferma a riflettere che dal 2000 la classe media della Repubblica popolare si è ampliata di oltre 43 milioni di individui contro gli appena 22 degli Usa.