Milano, prima città in Italia a uscire da crisi immobiliare

1 Aprile 2019, di Alessandra Caparello

Milano è la città che, prima fra tutte in Italia, ha iniziato ad uscire dalla crisi immobiliare. Lo rivela l’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa che analizza il mercato immobiliare meneghino sottolineando come le compravendite sono in ripresa dal 2013 e i prezzi sono in crescita dal primo semestre del 2017.

Le transazioni immobiliare a Milano, secondo gli ultimi dati diffusi dall’Agenzia delle Entrate, nel 2018 sono state 24.521 in aumento del 3,4% rispetto al 2017. A spingere le compravendite sono soprattutto acquirenti di prime case e investitori e, tra le grandi città, Milano è l’unica che vede prevalere il bilocale tra le tipologie più richieste con il 44,8%. Oltre ad essere la prima città che esce della crisi immobiliare, Milano conquista anche un altro primato ossia quello di essere tra le più veloci d’Italia per quanto riguarda i tempi di vendita, circa 100 giorni in media.

È tutto il territorio milanese ad aver motivo di festeggiare. Nella seconda parte del 2018 hanno performato bene anche le aree semicentrali e periferiche della città, dove i prezzi erano arrivati ormai a livelli minimi. Questo spiega – scrive Tecnocasa –  l’aumento delle richieste ed il conseguente incremento dei valori immobiliari, in particolare poi, nelle realtà in cui negli ultimi anni sono stati fatti interventi di riqualificazione urbanistica. Infatti tra le macroaree che hanno performato meglio e sopra la media cittadina ci sono Bovisa-Sempione (+5,6%), Lodi Corsica (+5,3%) e Fiera-San Siro (+5,0%).

Cosa aspettarsi per il futuro? Un trend in crescita assicurano da Tecnocasa.

Milano tra tutte le grandi città è quella che sembra aver intrapreso un trend distante da quello delle altre metropoli. Trend che continuerà anche nei prossimi mesi ed infatti per il 2019 ci aspettiamo ancora prezzi in aumento tra +4 e +6 %.