Mid-term, Trump: incassi record per Presidenziali 2020

16 Ottobre 2018, di Mariangela Tessa

Mancano poco più di due anni alle Presidenziali americane, ma Donald Trump ha già raccolto oltre 100 milioni di dollari per la campagna elettorale del 2020.

Una cifra enorme che, nessun presidente americano dopo Ronald Reagan, aveva raccolto prima al secondo anno del suo mandato, secondo i calcoli della società di ricerca indipendente Campaign Finance Institute.

A rivelare le cifre è il Washington Post, secondo cui Trump avrebbe raccolto per la precisione $ 106 milioni dall’inizio della sua presidenza nel gennaio 2017 di cui $ 18 milioni lo scorso trimestre.

Trump continua a poter contare su una base di piccoli finanziatori per la sua campagna, la stessa che lo ha finanziato per il 2016. Il 98% dei fondi raccolti dal presidente nell’ultimo trimestre è arrivato da donazioni di meno di 200 dollari.

Se è vero che Trump ha incassato finora una montagna di soldi, è altrettanto vero negli ultimi tre mesi le spese sono raddoppiate. Secondo il New York Times, tra luglio e settembre le uscite sarebbero ammontate a  $ 7,7 milioni, circa il doppio rispetto ai 3,6 milioni dei tre mesi precedenti. La voce più alta è andata finora alla pubblicità con American Made Media Consultants, una società di consulenza fondata da Brad Parscale, direttore della campagna per la rielezione di Trump. L’AMMC, secondo un rapporto della Commissione elettorale federale esaminato dal Times, sarebbe stata pagata $ 1,6 milioni.

Nonostante la raccolta record, c’è tuttavia un candidato democratico per il Senato che avete fatto meglio di Trump. Si tratta di Beto O’Rourke, candidato nello stato del Texas, stella nascente nella politica del Congresso, che ha incassato $ 38,1 milioni lo scorso trimestre e ha raggiunto un nuovo record trimestrale di raccolta fondi per le elezioni al Senato.