Metalli preziosi: cosa si nasconde dietro il rally. Prezzo argento al raddoppio

7 Agosto 2020, di Mariangela Tessa

I prezzi dell’oro e dell’argento sono cresciuti notevolmente negli ultimi quattro mesi, con la quotazione dell’oro che è salita di oltre un quarto e quella dell’argento che è quasi raddoppiata.

Valori che tuttavia hanno ancora spazio per aumentare, secondo Ned Naylor-Leyland, gestore metalli preziosi di Jupiter AM.

“C’è ampio spazio di rialzo sia per l’oro che per l’argento, a nostro parere, e ci sono ulteriori opportunità affinché il loro rapporto (il prezzo dell’oro diviso per il prezzo dell’argento) si contragga ulteriormente – e per l’argento di continuare a superare anche l’oro. Nel 2011 il loro rapporto era di 32, quindi l’attuale (84) è ancora alto. In altre parole, l’argento dovrebbe più che raddoppiare per riconquistare, come l’oro, il suo massimo dell’aprile 2011. L’argento ha ancora molto da recuperare”.

Come si spiega questa corsa?

“Le sue radici affondano nel disincanto degli investitori, che alla fine perdono le loro illusioni, con le banche centrali e governi di tutto il mondo che si fanno palesemente beffa del pensare comune riguardo il denaro.

Il recente allentamento monetario, il rialzo dei bilanci delle banche centrali e l’impennata della spesa pubblica in risposta al coronavirus, possono aver finalmente fatto fare quel passo in più agli investitori sulla strada della diffidenza nei confronti delle monete legali – in particolare il dollaro USA.

I rendimenti dei titoli di Stato sono diventati così bassi che è improbabile che superino l’inflazione. I detentori di titoli di Stato sono in perdita, in termini reali. L’oro e l’argento, invece, sono una riserva di valore reale. Quando gli abiti pacchiani e logori del dollaro vengono strappati per rivelare lo scheletro del debito sottostante, gli investitori si rivolgono naturalmente alla solidità dell’oro e alla luminosità del suo nobile fratello” ha spiegato Naylor-Leyland, aggiungendo che durante le fasi di mercato rialzista per entrambi i metalli, l’argento spesso aumenta più velocemente del suo fratello più pesante e più costoso.

Secondo l’esperto,

“L’attuale contesto economico è più importante per il recente aumento dell’argento rispetto alla domanda industriale supplementare. Il mercato fisico dell’argento è reso insignificante dal suo mercato future. L’argento è scambiato per quello che è, una valuta. Anche così, vale la pena di sottolineare l‘uso dell’argento nei componenti elettronici per le reti di telecomunicazione 5G e le sue crescenti applicazioni mediche, in quanto materiale altamente elettro conduttivo.

Questo ambiente macro è favorevole anche per le società minerarie, i cui costi operativi sono di solito molto più bassi per l’argento che per l’oro (l’argento viene spesso estratto durante l’estrazione di altri metalli). Quindi l’aumento dei prezzi dell’argento è particolarmente redditizio per le società minerarie”.