Mercati, fondo hedge: “Si scatenerà l’inferno”

29 Maggio 2017, di Daniele Chicca

Il gestore del grande fondo hedge Elliott Management, Paul Singer, preferisce uscire dai mercati finanziari troppo sopravvalutati negli Stati Uniti e nella lettera trimestrale ai clienti avverte che “sta per scatenarsi l’inferno” e conviene pertanto mettersi al riparo. Singer dice di aver accumulato liquidità di cui servirsi durante le prossime turbolenze di mercato.

È da un po’ di tempo per la verità che il fondo lancia allarmi del genere, tuttavia nell’ultima lettera si spiega nel dettaglio il motivo dietro alla decisione di aumentare le riserve cash. “È un buon momento per accumulare un bella dose di contanti“, che torneranno utili quando le autorità di politica monetaria smetteranno di sostenere i mercati.

“Vista la determinazione e il modo di pensare delle autorità di politica monetaria – scrive Singers – pronte a fare tutto il possibile per evitare un nuovo crac di mercato, la magica levitazione di azioni e bond in un contesto di bassa volatilità durerà, almeno finché l’incantesimo non si spezzerà”.

A quel punto secondo il gestore che è riuscito a reperire 5 miliardi di dollari di investimenti in meno di 24 ore qualche settimana fa, si scatenerà l’inferno. Si tratta chiaramente di uno scenario infelice, il quale però presenta anche delle opportunità che saranno straordinarie almeno quanto effimere.

“L’unica via per approfittare di queste opportunità è avere pronto a portata di mano capitale cui avere accesso” nel momento del bisogno.