Nickel strappo record del 100%, LME annulla le contrattazioni

8 Marzo 2022, di Gianmarco Carriol

Il London Metal Exchange (LME) è stato costretto a sospendere le negoziazioni di nickel oggi e ha dichiarato che avrebbe annullato le negoziazioni poiché i prezzi sono quasi raddoppiati a oltre $100.000 per tonnellata, un’impennata da attribuire alla copertura allo scoperto da parte di uno dei massimi produttori mondiali.

L’interruzione degli scambi dopo che le sanzioni occidentali hanno minacciato la fornitura dal principale produttore Russia, è la più grande crisi che ha colpito LME in decenni.

Movimenti sbalorditivi per il Nickel

La mossa del LME è arrivata in mezzo al panico del mercato causato dall’invasione russa in Ucraina, con gli acquirenti alla ricerca del metallo cruciale per la produzione di batterie per veicoli elettrici.

“Gli eventi attuali sono senza precedenti”

ha affermato l’LME in un avviso ai broker.

“La sospensione del mercato del nickel ha creato una serie di problemi per i partecipanti al mercato che devono essere affrontati”.

Alcuni detentori di posizioni hanno lottato per pagare le richieste di margine, hanno affermato i trader.

Il gruppo cinese Tsingshan Holding, uno dei principali produttori mondiali di nickel e acciaio inossidabile, aveva costruito una posizione short sul nickel dallo scorso anno, convinti che il prezzo sarebbe diminuito. I prezzi sono saliti alle stelle quando Tsingshan ha acquistato grandi quantità di nickel per ridurre l’esposizione short e ridurre le costose richieste di margin call, hanno affermato.

Tsingshan e il LME hanno rifiutato di commentare.

Il LME ha aumentato i requisiti di margine per i contratti di nickel del 12,5% a $2.250 a tonnellata e ha sospeso la negoziazione di nickel in tutte le sedi almeno per il resto della giornata.

“Il fatto che il LME smetta di fare trading per un giorno intero, non aiuta la sua rilevanza a lungo termine”

ha affermato Colin Hamilton, amministratore delegato della ricerca sulle materie prime presso BMO Capital Markets.

“Questo è pensato per essere un mercato di ultima istanza e le persone non possono ottenere scorte da consegnare contro le posizioni”.

LME ha annunciato che tutte le negoziazioni sarebbero state annullate dalla mezzanotte fino alle 8:15 di oggi, ha aggiunto di star considerando una chiusura di diversi giorni .

“LME pianificherà attivamente la riapertura del mercato del nickel e ne annuncerà i meccanismi al mercato il prima possibile”.

Il nickel a tre mesi sul LME è più che raddoppiato a $101.365 la tonnellata prima che il LME interrompesse gli scambi dei suoi sistemi elettronici.

il Nickel è sceso a $80.000 la tonnellata quando il trading è stato interrotto, in aumento del 66% nel corso della giornata e di uno sbalorditivo 177% da lunedì.

Battaglia sul mercato

I guadagni esplosivi, che hanno visto i prezzi quadruplicare nell’ultima settimana, sono il risultato di due grandi attori che si sono affrontati, ha affermato Malcolm Freeman di Kingdom Futures, che ha rifiutato di identificarli.

Un’entità ha il controllo tra il 50% e l’80% delle scorte LME, mostrano i dati.

“C’è un cortometraggio molto grande e un lungo molto grande che hanno combattuto. E a causa del loro sparring, ha brutalizzato così tanti altri cortometraggi” ha detto Freeman.

Alcuni piccoli utenti industriali sono stati coinvolti nel fuoco incrociato, avendo preso posizione per ottenere la consegna fisica ma poi colpiti da richieste di margin call che costano milioni di dollari, ha aggiunto.

L’incertezza causata dall’invasione della Russia e dalle conseguenti sanzioni si è aggiunta a un mercato già rialzista del nickel a causa delle scorte basse, che si sono dimezzate sul LME da ottobre.

La Russia non solo fornisce circa il 10% del nickel mondiale, ma la russa Nornickel è il più grande fornitore mondiale di nickel per batterie con il 15%-20% della produzione globale.