La Russia finanzia la guerra grazie all’esportazione di materie prime

21 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

Sono passati più di 100 giorni da quando la Russia ha iniziato la sua invasione su larga scala dell’Ucraina.

Le entrate derivanti dalle esportazioni di combustibili fossili e materie prime sono il fattore chiave per la costruzione militare e l’aggressione della Russia. Di recente, il ministro delle Finanze Anton Siluanov si è vantato alla televisione di stato che nonostante la riluttanza e gli incombenti divieti sui combustibili fossili russi, i guadagni del Paese derivanti dalle esportazioni di materie prime aumenteranno fino a 14 miliardi di euro quest’anno (a causa dei prezzi elevati) una parte dell’aumento delle entrate sarà utilizzata per finanziare “l’operazione speciale” in Ucraina.

La Russia spende 840 milioni di euro al giorno per l’invasione. . Ma i proventi delle esportazioni di combustibili fossili hanno superato questa cifra. Lo stima lo studio “Financing Putin’s war: Fossil fuel imports from Russia in the first 100 days of the invasion”, stilato da Crea (Centre for Research on Energy and Clean Air), un’organizzazione di ricerca indipendente indipendente che si occupa di rivelare le tendenze, le cause e gli impatti sulla salute, nonché le soluzioni
soluzioni all’inquinamento atmosferico. Il governo e la società civile ucraina hanno chiesto chiaramente di porre fine a tutti gli acquisti di combustibili fossili e ad altri affari con il regime russo, eppure la maggior parte dei Paesi e delle aziende hanno continuato ad acquistare petrolio, carbone e gas.

Le sanzioni occidentali non hanno fermato la Russia

Lo studio del Crea ricorda che gli Stati Uniti e il Canada hanno imposto divieti di importazione di combustibili fossili che sono già in vigore. Il Regno Unito eliminerà gradualmente le importazioni di petrolio greggio e prodotti petroliferi entro la fine del 2022. L’UE ha vietato le importazioni di carbone a partire da agosto e le importazioni di petrolio via mare a partire da dicembre. Queste ultime rappresentano il 75% delle importazioni totali di petrolio in Europa. La Germania ha promesso di interrompere le importazioni di petrolio entro la fine dell’anno, il che eliminerà la maggior parte delle importazioni via oleodotto. Polonia, Bulgaria, Finlandia, Danimarca si sono rifiutate di pagare le importazioni di gas in rubli con il risultato che Gazprom si è rifiutata di rispettare i contratti con loro.

Ciononostante, 93 miliardi di euro di combustibili fossili sono stati esportati dalla Russia dall’inizio dell’invasione. Il 63% dei ricavi delle esportazioni proveniva dal petrolio e dai prodotti petroliferi e il 32% dal gas fossile, mentre il carbone ha rappresentato il 5%.

I maggiori importatori sono stati la Cina (12,6 miliardi di euro), Germania (12,1 miliardi di euro), Italia (7,8 miliardi di euro), Paesi Bassi (7,8 miliardi di euro), Turchia (6,7 miliardi di euro), Polonia (4,4 miliardi di euro), Francia (4,3 miliardi di euro), India (3,4 miliardi di euro) e Belgio (2,6 miliardi di euro).

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia

Il calo delle importazioni di materie prime non ha ridotto i ricavi russi

I volumi delle importazioni sono diminuiti in misura modesta a maggio, circa il 15% rispetto al periodo precedente l’invasione, poiché molti Paesi e imprese hanno evitato le forniture russe.

Tuttavia, l’aumento della domanda di combustibili fossili ha creato un lauto ricavo: I prezzi medi delle esportazioni russe sono stati mediamente più alti del 60% rispetto all’anno scorso, anche se scontati rispetto ai prezzi internazionali.

Lo sconto sui prezzi e il calo dei volumi fisici hanno entrambi contribuito a ridurre i ricavi delle esportazioni russe di combustibili fossili nel mese di maggio. Le importazioni di gas fossile dalla Russia sono diminuite del 25% rispetto al periodo febbraio-marzo, su base destagionalizzata, a causa dell’aumento delle importazioni di GNL e di gas dal gasdotto della Norvegia, nonché a causa della decisione della Russia di tagliare le importazioni di gas attraverso la Polonia. I volumi fisici di petrolio sono diminuiti un modesto 7%, con i volumi di greggio che sono tornati ai livelli di febbraio-marzo e i prodotti petroliferi che sono diminuiti del 25%.

La riduzione della domanda e il prezzo scontato del petrolio russo sono costati al Paese circa 200 milioni di euro al giorno a maggio. Ciononostante, la Russia ha guadagnato 880 milioni di euro al giorno dalle esportazioni di energia rispetto a 1,1 miliardi di euro al giorno nel periodo gennaio-febbraio 2022.