La catastrofe ambientale legata alla produzione di Bitcoin

28 Aprile 2021, di Redazione Wall Street Italia

La catastrofe ambientale legata alla produzione di Bitcoin

di Stéphane Déo  (Ostrum AM)

Il Bitcoin e le valute digitali sono ormai al centro della scena. Solo dieci anni fa, erano praticamente sconosciute ai non addetti ai lavori. Oggi sono invece al centro delle politiche programmatiche delle maggiori istituzioni mondiali, sia pubbliche sia private.

Ma nonostante alcuni elementi positivi, non mancano gli aspetti controversi. La prima cosa da dire è che il Bitcoin è una catastrofe ambientale. Nel settore finanziario, l’attenzione per la sfera ESG acquisisce una centralità sempre crescente, quindi la discussione sulle cripto-attività deve comunque partire dal presupposto che, oggi, l’impronta ecologica del solo Bitcoin è superiore a quella dei Paesi Bassi. L‘impronta di carbonio di una sola transazione è pressoché equivalente a quella di un volo da Parigi a Mosca.

Si aggiunge poi un problema di scala: ogni giorno, si registrano infatti circa 300.000 transazioni in Bitcoin. Cifra alta, senz’altro, ma non dimentichiamo che la rete Visa gestisce circa 150 milioni di transazioni al giorno e che l’infrastruttura intorno al Bitcoin e ad altre cripto-attività è lenta e diventa rapidamente obsoleta.

Bitcoin: volatilità e fisco

Per il Bitcoin c’è poi il problema della volatilità. Per questo motivo le cripto-attività sono ottime a fini speculativi, ma inadeguate come beni rifugio o come unità di cambio che, in fin dei conti, sono le finalità principali della moneta. Se si ha intenzione di preservare il proprio patrimonio o di programmare un’operazione rilevante, non ci si affida certo a un asset che potrebbe raddoppiare o dimezzare rapidamente il proprio valore.

L’ultima controindicazione è l’incertezza del quadro normativo e fiscale nei diversi ordinamenti, aspetto a cui un investitore istituzionale deve prestare particolare attenzione.

A dispetto di tutte queste note negative, resta il fatto che, a febbraio 2021, la capitalizzazione totale di tutte le cripto-attività era di gran lunga superiore a un trilione di dollari. Si tratta di più del 10% delle attuali riserve auree mondiali, dunque di un valore non trascurabile. Tra l’altro, 300.000 transazioni al giorno sono una cifra minuscola su scala globale, ma comunque ben lontana da zero.

Un punto a favore è il fatto che si tratta di attivi non correlati, che tendono ad essere sottoposti a forze diverse rispetto alla generalità del mercato. Inoltre hanno un’esposizione limitata ai rischi di coda, per cui anche un piccolo investimento potrebbe diventare particolarmente remunerativo nel lungo termine.

Tra l’altro, il Bitcoin è diventato anche un “brand“. Il libro bianco originale fu pubblicato nel 2008 e, da allora, questa valuta è passata dalle retrovie estreme all’essere un argomento di cui anche i non esperti hanno sentito parlare. Ha fatto avanzare la riflessione, ha dimostrato le potenzialità – e i limiti – della tecnologia blockchain su cui si basa e ha fatto sì che la distribuzione diffusa di attivi digitali protetti da sicurezza crittografica non fosse più solo possibile, ma addirittura probabile.