Jim Rogers agli investitori: scappate subito dalle banche

29 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Non si fida, Jim Rogers, tra i guru di Wall Street più ascoltati al mondo. Dopo che l’Unione europea e il Fondo Monetario internazionale hanno deciso di saccheggiare i conti correnti dei ciprioti, adottando per la prima volta nella storia dell’Eurozona la soluzione del prelievo forzoso, Rogers non si fida affatto.

“Cosa abbiamo bisogno di sapere? Per favore, è meglio che scappiate, io lo sto facendo in ogni caso – afferma Rogers, secondo quanto riportato dalla Cnbc – Voglio essere sicuro che alla fine non rimarrò intrappolato. Pensate a tutte quelle povere anime, che pensavano solo di avere un semplice conto corrente presso una banca. Ora scoprono che stanno ‘contribuendo’ alla stabilità di Cipro. La faccia tosta di questi politici”.

Se “ascolterete il governo, finirete in bancarotta molto presto – ha aggiunto – Per quel che mi riguarda, sto facendo in modo di non avere troppi soldi in nessuna banca specifica, in qualsiasi parte del mondo si trovi, perchè stavolta esiste un precedente. l’Ue ha detto ‘saccheggiate i conti correnti’,L’Fmi ha detto ‘saccheggiate i conti correnti‘, dunque potete essere certi che altri paesi, quando arriveranno i problemi, diranno: Beh, è un atto accettato dall’Ue e dall’Fmi, dunque facciamolo”.

In termini di investimenti, Rogers ha detto di detenere posizioni in franchi svizzeri e in alcuni asset che possiede da decenni, in un’ottica di investimenti di lungo termine, ma che “certamente non sto acquistando lì (in Europa)”.

Su Wall Street che testa nuovi massimi, l’esperto afferma che si tratta di “una situazione molto artificile” e che è “scettico, perchè so che le cose andranno a finire male”.