Italiani secondi al mondo per età pensionabile, tra i più preoccupati sul futuro

20 Febbraio 2019, di Mariangela Tessa

Quando si parla di pensioni, gli italiani non sono i soli a temere di non avere fondi sufficienti per il futuro. Secondo una recente sondaggio condotto da Ing
su un campione di 15 mila persone residente in Europa, Usa e Australia, sono emerse  preoccupazioni diffuse su trattamento pensionistico.

Anzi, i paesi in cui gli intervistati si dicono maggiormente preoccupati sono Spagna e Francia. Gli italiani spiccano al quarto posto, alle spalle di Polonia e Romania (vedi tabella sotto). I più ottimisti sulle prospettive di pensionamento sono gli olandesi.

Questi ultimi, pur essendo i più fiduciosi sul futuro, sono anche quelli che vanno in pensione più tardi, quasi 67 anni. Seguono a ruota gli italiani dove l’età media di pensionamento è 66,1, i cechi (65,5) e i tedeschi (65).

L’atteggiamento dei lavoratori nei confronti della pensione non riflette necessariamente la realtà finanziaria. Si prenda il caso della Francia: il 69% dei pensionati, secondo quanto rileva il sondaggio ING, dice di “godere dello stesso standard di vita” che aveva in precedenza. Solo il 36% degli italiani dice lo stesso.

Come hanno sottolineato gli esperti di pensioni, sentiti da Bloomberg, lavorare più a lungo rende più facile permettersi la pensione. Sempre che ci sia qualcuno diposto ad assumere lavoratori over sessanta.