Italia, un paese spaccato. Da una guerra civile & culturale

28 Dicembre 2012, di Redazione Wall Street Italia

Post pubblicato da stebss il 28 dicembre 2012| Ora 02:14

xxxmen, la benedizione natalizia non ti ha giovato, ma spero che l’aver rivisto Silvio in ogni dove ti abbia riempito il cuore in queste festività….oramai sembra uno di quei pervertiti che scrivono il proprio nome e numero di cel anche sui bagni degli autogrill! Che pena!

Comunque, io mi fido molto di più di persone che si sono battute e che si battono per la giustizia, di persone che hanno rischiato e rischiano tuttora le loro vite col pensiero che 2 colleghi prima di loro sono stati fatti saltare con quintali di tritolo, di persone che vivono sotto scorta perenne, di persone minacciate loro in prima persona e i loro cari di conseguenza, di persone che denunciano l’eterna collusione politica-mafia ignorata da tutto il Parlamento, di persone che hanno richiesto a gran voce leggi più incisive contro corruzione criminalità traffico d’influenze carcere duro, di persone che si sono battute per i continui tagli agli organi di giustizia e di sicurezza!

Col berlusconismo si è assistito al degrado della scena politica, all’illecito come forza trainante, alla corruzione viscerale, all’accusare i giudici e giustificare sempre i condannati, all’involuzione di una destra che da sempre vanta il cardine della giustizia esemplare ma che in Italia agisce al contrario!

Chi ha votato la depenalizzazione del falso a bilancio?

Chi ha votato lo scudo al 5% su capitali evasi e/o di traffici illeciti e/o di corruzione garantendo l’anonimato?

Chi ha votato continui condoni edilizi incentivando l’abusivismo e la conseguente devastazione ambientale?

Chi ha votato continui condoni fiscali incentivando l’evasione?

Chi voleva quasi vietare le intercettazioni, valido strumento di lotta alla criminalità e all’affiliazione?

Chi ha in ogni modo ostacolato la legge sulla incandidabilità dei condannati?

Chi non ha mai voluto una legge vera contro la corruzione?

Chi ha votato per sè leggi che garantivano la quasi immunità e la possibilità di fuggire ai processi con la propria semplice autogiustificazione?

Chi ha sempre e solo fatto scena muta quando gli si chiedeva conto dei soldi materializzatisi nelle sue mani quando non era nessuno per costruire Milano2?

Questi magistrati han visto troppa m***a nella loro carriera e la vogliono battere nello stesso posto dove padroneggia l’illegalità e dove si sono rifugiati i vari capi mafia da decenni a questa parte: in PARLAMENTO!

_______________________________

Post pubblicato da xxxmen il 27 dicembre 2012| Ora 18:32

Dambruoso

Ingroia

Grasso

De Magistris

Di Pietro

ECCO PERCHE’ ERANO TUTTI CONTRO BERLUSCONI, buon modo per prepararsi il terreno ad una discesa in campo…. o salita.

INCREDIBILE LA PEGGIORE GIUSTIZIA DELL’OCCIDENTE SI CANDIDA A GOVERNARE, se governeranno come hanno fatto funzionare la giustizia…. SIAMO NELLA *BLIP*.