Italia: stabilità prezzi, ma minaccia deflazione non ancora sventata

11 Agosto 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – L’Istat conferma che nel mese di luglio l’indice dei prezzi al consumo Nic è calato -0,1% su base mensile, salendo appena +0,2% su base annua. L’Italia non ha dunque ancora sventato la minaccia della deflazione, anche se l’inflazione core, dunque l’inflazione depurata dai prezzi dei beni energetici e alimentari freschi, sale allo 0,8%. Al netto dei soli beni energetici l’inflazione si mantiene a +0,8%.

“La stabilità dell’inflazione è la sintesi di dinamiche differenziate per le diverse tipologie di prodotto: l’attenuazione del calo tendenziale dei prezzi degli Energetici regolamentati (-1,1%, da -3,6% di giugno) e l’accelerazione della crescita su base annua di quelli di alcune tipologie di servizi bilanciano le spinte al ribasso dei prezzi degli Energetici non regolamentati (-8,7%, da -7,2% del mese precedente) e degli Alimentari non lavorati (+1,7%, da +2,1% di giugno)”, è scritto nella notte dell’Istat.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona scendono – 0,9% su base mensile mentre crescono dello 0,7% su base annua.

I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza riportano una flessione -0,5% su base mensile e dello 0,1% su base annua.