“Italia sprecona in utilizzo fondi Ue”

13 Agosto 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – L’ Unione europea sta perdendo la pazienza con l’Italia: che in tempi di crisi ha anche il coraggio di sprecare i fondi Ue, come se potesse permetterselo.

“Basta con la distribuzione a pioggia dei fondi Ue”, tuona Johannes Hahn, commissario alle Politiche regionali, in una intervista rilasciata all’Ansa. Avvertendo che “con la bozza di accordo di partnership che attendiamo dall’Italia in autunno, puntiamo ad assicurare una forte concentrazione delle risorse disponibili su poche, chiare priorità“.

Essenziale insomma che Roma scelga con oculatezza e serietà come utilizzare i finanziamenti. Il commissario fa poi il diplomatico affermando che comunque “non si tratta solo di un problema italiano”.

Di certo, non si può continuare a utilizzare le risorse in modo indiscriminato, così come “non si può continuare a cercare di compiacere tutti”. Hahn sottolinea per esempio che l’Ue non vuole più che i fondi vengano utilizzati “per eventi come il concerto di Elton John a Napoli, o l’A3 per Salerno-Reggio Calabria”.

Gli investimenti devono essere diretti soprattutto nell’agenda digitale, nel sostegno alle piccole e medie imprese, e nell’economia a basso tenore di emissioni.

“Per fare veramente la differenza nello sviluppo economico del Paese occorre focalizzarsi su un numero ristretto di priorità, con l’obiettivo di creare occupazione duratura, sostenere punti di forza già esistenti nelle regioni e innescare nuova crescita”.

Vengono citati comunque anche i casi positivi: “Ci sono già buoni esempi in giro, come le Tecnopoli in Emilia R., i piani di sviluppo urbano integrato in Toscana, o quelli per le energie rinnovabili in Puglia”.