Italia: le migliori start up dedicate alla musica

16 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Gli MTV Days quest’anno si sono trasformati ed oltre ad essere stati trasferiti a Reggio di Venaria sono anche diventati più Digital.

Conferenze dedicate al futuro della musica e spazi dedicati, soprattutto, alle migliori startup della musica italiana. Erano in tutto 17.

Tra le migliori, da Torino arriva, Amo la Musica, il portale che offre un’esperienza musicale completa grazie ai contenuti scritti in crowdsourcing da oltre 40 blogger e alla possibilità di partecipare a festival e concerti con pacchetti viaggio bus+ticket+accommodation.

Ma anche ProxToMe, un app cui è possibile ricevere gratuitamente i contenuti esclusivi registrati durante gli eventi e Sounday, il portale che racchiude in una singola destinazione online tutto il music business dai fan, agli artisti, agli operatori professionali e ai brand.

Tra le molte altre presentate, degne di nota sono Fannabe, dedicata ai fan e ai collezionisti di musica MixTape FanClub, la raccolta di musicassette virtuale e Soundtracker, l’app social e geolocalizzata di musica in streaming.

Infine molto interessanti sono anche BioBeats e Soundreef. La prima si occupa di Adaptive Media, ovvero tecnologie che rispondono a dati fisiologici. È in grado di generare musica a partire dal battito del proprio cuore. Mentre la seconda, Soundreef, vuole creare un sistema alternativo, alla SIAE e ad SFC, per quanto riguarda i diritti musicali. Come? Oltre a rilasciare autorizzazioni per l’utilizzo di musica, recupera e ripartisce royalty per conto di autori, compositori, editori ed etichette.