Investitori a caccia di porti sicuri, sempre più attratti da debito euro

27 Aprile 2018, di Mariangela Tessa

In attesa di un aumento generalizzato dei tassi da parte delle principali banche d’affari, dopo anni di politiche ultra espansive, che hanno sostenuto la corsa di azioni e bond, gli investitori vanno a caccia di porti sicuri.

In un’ottica del genere, “l’asset class favorita da questo punto di vista è il debito europeo, sottolinea una ricerca di BofA Merrill Lynch, ripresa da Milano Finanza. 

Un cambio di rotta quindi rispetto a qualche anno fa quando erano i titoli del Tesoro Usa ad

 “essere percepiti come il porto sicuro per eccellenza perché offrivano agli investitori diversificazione e un bacino di valore per affrontare le turbolenze dei mercati. Ma la sottoperformance del debito Usa registrata finora quest’anno, a fronte di mercati poco brillanti, comincia a mettere a repentaglio questo status di porto sicuro” riportano gli analisti della banca d’affari ripresi dal quotidiano finanziario.

Come fanno notare gli esperti, un aumento delle domanda di obbligazioni europee dovrebbe avere  due conseguenze principali. Da una parte ridurre i rischi dati dai minori acquisti effettuati dalla Bce, dall’altra “produrre un apprezzamento più veloce dell’euro”.