Inter in rosso: nel bilancio maxi buco da oltre 240 milioni

1 Ottobre 2021, di Alessandra Caparello

Tempi duri per l’Inter. Il club nerazzurro deve affrontare una maxi perdita da 245,6 milioni di euro contro ricavi consolidati a 364,7 milioni. Così emerge dal bilancio 2020-21 approvato dal Consiglio di amministrazione dell’Inter e che ora sarà sottoposto all’approvazione dell’assemblea degli azionisti entro la fine di ottobre.

Inter, i motivi del rosso in bilancio

Il club nerazzurro ha precisato che il maxi-rosso di bilancio è dovuto principalmente “all’azzeramento degli introiti da gara derivante dalla chiusura degli stadi (dato che si confronta con il 2020 quando le chiusure erano iniziate nei primi giorni di marzo), le riduzioni contrattuali degli sponsor dovute all’impossibilità di erogare benefit da parte della Società e la liquidazione di rapporti di natura sportiva”.

“Abbiamo prontamente intrapreso una politica di riequilibrio con due obiettivi primari da perseguire: il raggiungimento della stabilità finanziaria e il mantenimento della competitività della squadra. Le operazioni del mercato estivo – si legge nel comunicato – genereranno un impatto economico positivo nel percorso verso la sostenibilità. L’arrivo di giocatori di esperienza internazionale e il rientro di talenti del vivaio ha l’obiettivo di mantenere elevata la performance sportiva. La strategia della Società è concentrata sul monitoraggio dei costi, con l’obiettivo di adattare tempestivamente il business al mutevole contesto di riferimento, continuando ad investire adeguate risorse nel percorso di evoluzione e crescita del Club”. “Un importante risultato – si legge ancora – è stato già conseguito con il significativo incremento del valore delle sponsorizzazioni. L’ingresso di Socios.com e DigitalBits e l’upgrade di posizionamento di Lenovo attestano la continua crescita dell’appeal del Club a livello globale. Nell’attesa di ritornare al più presto alla piena capienza, la riapertura degli stadi garantirà al Club di avere di nuovo accesso a una imprescindibile fonte di ricavi. Queste azioni consentiranno di ridurre significativamente le perdite del Gruppo per la stagione 2021-2022″.

L’amministratore delegato Antonello ridimensiona la preoccupazione per il pesante rosso di bilancio dalle pagine de Il Sole 24 Ore.

Giocare senza tifosi, peraltro nell’anno della cavalcata tricolore ha sottratto all’Inter circa 60 milioni di introiti. E altri 50 sono venuti meno per la rinegoziazione obbligata dei contratti di sponsorizzazione, soprattutto con agenzie in Asia e Cina, e a causa del blocco della corporate hospitality. Ma oltre a ciò, la perdita è composta da diversi elementi straordinari che non ricorreranno più”.