Integrated Governance Index 2018, ecco le prime dieci società italiane

14 Giugno 2018, di Redazione Wall Street Italia

Generali, Snam ed Enel si scambiano il podio, ma si confermano alla guida di IGI, indice che misura l’integrazione della sostenibilità nelle strategie aziendali. Questa edizione registra un’accelerazione di interesse: sono 47 le società coinvolte (+42% sul 2017). Gli ESG diventano un fattore strategico

 Le tre società sul podio della governance integrata restano Generali, Snam ed Enel, con il Leone che, rispetto all’edizione 2017, conquista il primo posto. Mentre Hera, quinta nella classifica generale, si afferma al primo posto nell’indagine straordinaria sui legami tra azienda e finanza responsabile. Ma è l’intero campione dell’Integrated Governance Index 2018, unico modello di analisi del grado di integrazione dei fattori ESG nelle strategie aziendali, che fa un balzo in avanti. Rivolto alle prime 100 società quotate italiane, alle quali è stato sottoposto un questionario di una quarantina di domande, IGI 2018 ha ottenuto quest’anno una partecipazione di 47 aziende, con un aumento del 42% rispetto alle 33 società dello scorso anno, sfiorando quindi una redemption del 50 per cento.
A confermare la crescita di consapevolezza sulla necessità di integrare la sostenibilità nelle strategie, tre ulteriori elementi: 1) il punteggio medio è migliorato nell’area ordinaria dell’indagine (quella confrontabile anno su anno), nonostante l’ampliamento del campione rispetto all’edizione 2017; 2) le figure professionali coinvolte dalla survey sono state in media 3 per azienda, con una tangibile presenza dei manager fino a oggi “estranei” alla sostenibilità; 3) gli ESG hanno pienamente coinvolto le aree finanza delle aziende, visto che almeno il 50% di Cfo li ha integrati nelle proprie strategie (o pensa di farlo), e che 2 aziende su 3 hanno attivato forme di gestione dell’engagement degli investitori responsabili.
LA TOP10 DI IGI 2018
1. Generali
2. Snam
3. Enel
4. Iren
5. Hera
6. Brembo
7. Pirelli & C
8. A2a
9. Saipem*
9. Unicredit*
10. Poste Italiane
*pari merito


«Questo risultato sottolinea Gabriele Galateri di Genola, presidente Assicurazioni Generali è un importante riconoscimento dell’impegno di Assicurazioni Generali nel settore della sostenibilità, in cui abbiamo promosso e realizzato iniziative di rilievo per fare fronte alle grandi sfide di oggi, creando valore condiviso per tutti gli stakeholder. Riconosce, inoltre, l’eccellente livello raggiunto dal Gruppo nel governo societario, che ha visto una profonda integrazione tra business assicurativo e aspetti di sostenibilità, grazie anche al contributo offerto dal Comitato per la Corporate Governance e la Sostenibilità Sociale e Ambientale, a supporto del Consiglio di Amministrazione. Il riconoscimento di oggi è una ulteriore conferma del livello di eccellenza che le Assicurazioni Generali perseguono in tutti i campi in cui operano»

I risultati dell’Index saranno presentati in occasione della Integrated Governance Conference, organizzata il 19 giugno presso Palazzo Turati, via Meravigli 9/b a Milano, assieme alla ricerca condotta presso i consiglieri indipendenti di Nedcommunity e al sondaggio che ha coinvolto i fondi pensione e il private banking italiani. Il progetto (le ricerche e la Conference) rappresenta il primo osservatorio in Italia ed Europa sulla governance della sostenibilità, ossia sul livello di integrazione nel buon governo aziendale delle variabili non financial (ESG). Oltre alle imprese best case, alla conference parteciperanno Andaf, Consob, Assonime e Assofondipensione.