Inflazione, quale paese ne parla di più sui social media?

3 Ottobre 2022, di Alessandra Caparello

Gli Stati Uniti sono risultati il Paese più citato nelle discussioni sull’inflazione tra 15  sui social media di Twitter e di Redditors nel 2022 (al 27 settembre). A rivelarlo è la Social Media Analytics Platform di GlobalData, azienda leader nel settore dei dati e dell’analisi.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, l’impennata maggiore nelle discussioni sui social media relative all’inflazione è stata registrata a settembre, quando l’indice dei prezzi al consumo mensile degli Stati Uniti è aumentato dell’8,1% in agosto, battendo le aspettative del mercato che prevedevano un calo. Un’altra impennata nelle discussioni sui social media si è registrata a luglio, quando il dato mensile di giugno è salito al 9,1%, il livello più alto degli ultimi quattro decenni. Smitarani Tripathy, analista di social media presso GlobalData, commenta:

“L’economia globale sta soffrendo per l’impennata dell’inflazione, guidata dall’eccessivo stimolo monetario e fiscale, e per le strozzature nell’approvvigionamento dovute alla pandemia da Covid-19. La guerra in corso tra Russia e Ucraina ha ulteriormente aggravato la situazione. L’inflazione negli Stati Uniti sta aumentando a causa dell’impennata dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari. Nel frattempo, i responsabili delle decisioni economiche stanno creando un quadro di riferimento per l’inflazione, aumentando i tassi di interesse. In linea con ciò, la maggior parte degli influencer ritiene che l’aumento consecutivo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve possa portare a una recessione“.

I paesi dove si parla più di inflazione

Gli Stati Uniti sono seguiti da Regno Unito, Cina, Canada, India, Giappone, Germania, Turchia, Australia, Francia, Spagna, Argentina, Sri Lanka, Italia e Pakistan. L’Italia si trova al penultimo posto davanti solo al Pakistan.

Il Regno Unito è il secondo Paese più citato nelle discussioni sui social media relative all’inflazione nel 2022. L’inflazione annuale dei prezzi al consumo nel Regno Unito ha raggiunto il 10,1% a luglio, il valore più alto dal 1982, che ha portato a un forte aumento delle discussioni sui social media. La maggior parte degli influencer di Twitter si aspetta che la Banca d’Inghilterra aumenti ulteriormente il tasso di interesse quest’anno, il che potrebbe spingere il Paese in recessione.

Lo Sri Lanka ha registrato la più alta crescita di conversazioni relative all’inflazione sui social media nel corso del 2022, rispetto all’anno precedente. L’economia è alle prese con l’aumento dell’inflazione, che ad agosto ha già toccato il massimo storico di oltre il 70%.

Alessandra Caparello | Wall Street Italia