India: rupia in caduta libera, neppure la banca centrale riuscirà a fermare le perdite

3 Ottobre 2018, di Mariangela Tessa

Dopo il peso argentino e la lira turca, ora è la rupia indiana a finire sotto i riflettori del mercato per via dei continui ribassi. Negli ultimi due mesi, la valuta del subcontinente ha continuato infatti ad aggiornare i minimi storici, indebolendosi fino a quota 73 rispetto al dollaro. Ciò rappresenta un calo di oltre il 14% dall’inizio dell’anno, in pratica la performance peggiore della regione, accanto a quella della rupia indonesiana e del peso filippino.

Gli analisti attribuiscono il deprezzamento della valuta indiana  all’aumento dei prezzi del petrolio, di cui l’India è un grande importatore, e alla crescita del deficit delle partite correnti.  Ma non solo. Gli esperti pensano, inoltre, che le preoccupazioni più ampie emerse in seguito ai problemi economici in Turchia e in Argentina, abbiano ulteriormente pesato anche sul sentiment degli investitori.

In questo scenario – dicono – poco o nulla riuscirà ad ottenere la banca centrale indiana, che che questa settimana alzerà il costo del denaro. Le attese sono per un aumento di 25 punti base mentre ulteriori aumenti sono messi in conto quest’anno e l’anno prossimo.

Mentre normalmente ci si aspetta che un rialzo dei tassi di interesse sostenga una valuta, la rupia “è destinata a continue perdite future”, secondo Prakash Sakpal, vice presidente della ricerca della banca olandese ING.

La banca centrale indiana dovrà fare di più, anche se sembra improbabile sulla base del target di inflazione e delle pressioni nel settore finanziario”.

Sakpal stima che la banca centrale si limiterà a far fronte ai tre rialzi dei tassi della Federal Reserve USA quest’anno senza dare alla rupia margini di guadagno rispetto al dollaro.

Della stessa idea, Shashank Mendiratta, economista che copre l’Asia del Sud e l’India presso l’ANZ, che ha aggiunto:

“Mentre tassi di interesse più elevati possono aiutare è improbabile che un singolo rialzo dei tassi sia sufficiente. La banca centrale dovrà intervenire più volte come è avvenuto in Indonesia”.