India, nuovo taglio dei tassi “preventivo”

4 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Con l’obiettivo di contrastare la deflazione e la forza della moneta nazionale, la banca centrale indiana ha tagliato ancora i tassi.

È la seconda volta in un mese. In una mossa definita ‘preventiva’ dai banchieri centrali, che hanno abbassato il costo del denaro al 7,5%.

Mentre la banca prendeva la decisione a sorpresa, i contratti a un mese sulla rupia hanno esteso i guadagni.

Il numero uno dell’istituto centrale ha fatto sapere che le prossime decisioni in materia di tassi dipenderanno dai dati sul reddito.

Il timore è sopratutto legato all’evoluzione della deflazione, che procede a un tasso più rapido di quanto previsto.

Entrambe le misure di allentamento monetario decise quest’anno sono avvenute durante riunioni straordinarie esterne al vertice ufficiale di politica monetaria tradizionale in calendario.

Il taglio del costo del denaro può essere interpretato come un voto di fiducia nel governo, che sabato ha promesso di essere fiscalmente responsabile. Tuttavia ci vorrà almeno un anno per riuscire a rispettare l’obiettivo per un deficit fiscale del 3% del Pil.

(DaC)