L’India batte la Cina per popolazione

23 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

L’India ha superato la Cina come nazione più popolosa del mondo, una pietra miliare che aggiunge l’urgenza per il primo ministro Narendra Modi di creare più posti di lavoro e garantire che il paese sostenga la sua crescita mondiale. La popolazione della nazione dell’Asia meridionale ammontava a 1,417 miliardi alla fine del 2022, secondo le stime della World Population Review (WPR), un’organizzazione indipendente focalizzata su censimento e dati demografici.

Sono poco più di 5 milioni in più rispetto agli 1,412 miliardi riportati martedì della scorsa settimana dalla Cina, quando le autorità hanno annunciato il primo calo di popolazione dagli anni ’60.

L’India, dove metà della popolazione ha meno di 30 anni, è destinata a diventare la principale economia mondiale con la crescita più rapida nei prossimi anni. Per sfruttare al massimo il dividendo demografico, Modi ha bisogno di creare posti di lavoro per i milioni di persone che entrano nel mondo del lavoro ogni anno e stanno rifuggendo i lavori agricoli.

Un’altra stima della piattaforma di ricerca Macrotrends mette l’ultimo numero per l’India a 1,428 miliardi. Il paese non ha pubblicato i dati del censimento una volta ogni dieci anni nel 2021, dopo aver rinviato i sondaggi sulla popolazione a causa delle interruzioni della pandemia.

La mossa del governo dello scorso anno di limitare a quattro anni il mandato dei soldati nelle forze armate indiane dimostrano lo sforzo dell’amministrazione per creare posti di lavoro e pagare i benefici pensionistici. Modi, che dovrebbe cercare la rielezione entro maggio 2024, ha spinto per aumentare la quota di produzione nell’economia al 25% dall’attuale 14%.

“Un’agenda di crescita su vasta scala per promuovere posti di lavoro in tutti i settori è essenzialmente ciò che serve”, ha affermato Sonal Varma, economista di Nomura Holdings Inc., osservando che i progetti infrastrutturali e la produzione ad alta intensità di manodopera possono creare tali opportunità, oltre ai servizi. “E stiamo vedendo i primi elementi costitutivi di ciò che essenzialmente vengono messi in atto”.

Nonostante la rapida crescita economica dell’India prima del Covid e la sua relativamente forte ripresa dalla pandemia, circa 800 milioni di persone fanno ancora affidamento sulle razioni di cibo gratuite del governo, il più grande programma di questo genere al mondo.

L’economia dell’India

Per ora, la terza economia più grande dell’Asia è autosufficiente nella produzione alimentare. È il secondo produttore di riso, grano e zucchero. Come mercato, l’India, con la sua classe media in crescita, è il più grande consumatore di zucchero, pur essendo il principale importatore di oli commestibili. È il secondo consumatore di oro e acciaio e il terzo acquirente di greggio. Ospita anche il terzo mercato aereo nazionale più grande del mondo.

Sebbene la crescita della popolazione indiana sia rallentata, il WPR prevede che il numero continuerà a crescere almeno fino al 2050.

La Cina, d’altra parte, sta attualmente assistendo a una leggera contrazione, che l’economista di Bloomberg Eric Zhu ha descritto come un “vento contrario alla crescita per lungo tempo” nella sua nota del 18 gennaio. La popolazione cinese è diminuita di 850.000 persone nel 2022 rispetto a un anno fa, secondo i dati diffusi dal National Statistics Bureau.

L’Onu stima che oltre la metà dell’aumento previsto della popolazione mondiale tra il 2022 e il 2050 si concentrerà in soli otto paesi: Congo, Egitto, Etiopia, India, Nigeria, Pakistan, Filippine e Tanzania.