In Russia l’economia va meglio del previsto. Lo dice la banca centrale

13 Luglio 2022, di Gianmarco Carriol

L’economia della Russia sta mostrando segni di stabilizzazione, ha affermato martedì il capo della politica monetaria della banca centrale russa, dopo aver subito un duro colpo dalle sanzioni occidentali imposte dopo che Mosca ha inviato decine di migliaia di soldati in Ucraina.

L’economia è destinata a contrarsi dopo che Mosca ha iniziato quella che definisce l'”operazione militare speciale” in Ucraina del 24 febbraio scorso, che ha innescato sanzioni radicali contro la Russia, compreso un parziale congelamento delle sue riserve.

La stabilizzazione dell’economia della Russia

Kirill Tremasov, che sovrintende alla politica monetaria presso la banca centrale, ha affermato che la crisi in Russia si sta sviluppando lungo una traiettoria più graduale di quanto inizialmente temuto.”Siamo chiaramente su una traiettoria più dolce. Stiamo già vedendo segni di stabilizzazione”, ha detto Tremasov. Ha parlato prima di una riunione del  del 22 luglio in cui la banca centrale dovrebbe ridurre il suo tasso di interesse chiave dal 9,5% per sostenere l’economia.

I tagli dei tassi e una politica di bilancio più accomodante sono in grado di sostenere l’economia russa, hanno affermato gli analisti di Rosbank, mentre hanno rivisto le loro previsioni di contrazione del prodotto interno lordo quest’anno al 5% dall’8%. Le previsioni tra funzionari e analisti stanno gradualmente migliorando. L’economia si contrarrà di non più del 5% nel 2022, ha affermato un consigliere presidenziale a maggio.

Sono passate settimane dopo che il ministero dell’Economia ha dichiarato che il Pil russo era sulla buona strada per contrarsi di oltre il 12%, in quello che sarebbe stato il calo più grande dall’indomani dello scioglimento dell’Unione Sovietica nel 1991.

A fine giugno gli analisti avevano previsto in media un calo del Pil del 7,1% quest’anno, rispetto alle aspettative di una crescita del 2,5% in un sondaggio simile a gennaio, settimane prima dell’inizio del conflitto in Ucraina.