In Italia la pressione fiscale effettiva più alta al mondo

29 Luglio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – L’Italia detiene il record della pressione fiscale effettiva.

Secondo i calcoli dell’Ufficio studi di Confcommercio la pressione è pari al 53,2% del Pil, al netto dell’economia sommersa che è intorno al 17,3% del Pil.

Si tratta di una percentuale che supera quella di tutti i maggiori paesi nel mondo. La pressione fiscale apparente è pari al 44,1% del Pil.

Le tasse uccidono la crescita. È l’allarme lanciato da Confcommercio che ha condotto uno studio da cui emerge che a fronte di un auemento della pressione fiscale in Italia del 5% dal 2000 al 2013, il Pil procapite è sceso del 7%.
In Germania nello stesso periodo la pressione fiscale è diminuita del 6% mentre il Pil reale procapite è aumentato del 15%.

In Svezia, paese fuori dall’Ue ad esempio, la pressione fiscale nello stesso periodo è scesa del 14% e il Pil reale procapite è aumentato del 21%. “Per favore – ha detto il presidente Carlo Sangalli – abbandoniamo l’idea di nuove tasse e di ulteriori eventuali prelievi: le tasse sono oggi la mortificazione della crescita. Le performance del 2014 sono compromesse, non distruggiamo le basi per la ripresa del 2015”. “L’Italia – ha evidenziato Sangalli – è ferma”.

Dal 2008 al 2013 l’Italia ha perso in termini di Pil reale procapite l’11,6%. Peggio ha fatto solo la Grecia con un -23,2%.

La Germania ad esmpio nello stesso periodo ha visto crescere il Pil reale procapite di 4,4 punti percentuali. La Francia ha perso 2,3 punti.
(TMNews)