Immobili di prestigio: cosa cercano gli acquirenti

17 Febbraio 2020, di Alessandra Caparello

Il mercato degli immobili di prestigio non conosce crisi visto che fa gola ad un target di acquirenti con un’elevata disponibilità di spesa, attratti soprattutto dall’ubicazione, dalla dimensione dell’abitazione (almeno 150 mq), dalla privacy e dalle finiture.

Immobili di prestigio: cosa cercano gli investitori

A scattare una fotografia di questa fetta del settore immobiliare è l’Ufficio studi del gruppo Tecnocasa secondo cui gli investitori alla ricerca dell’immobile di lusso prediligono almeno due bagni, uno spazio esterno, saloni di rappresentanza e ampie cucine, master bedroom con spaziosa cabina armadio e bagno en-suite.
Elementi che aggiungono “allure” alle tipologie top sono la privacy ed avanzati sistemi di sicurezza.

Per le nuove costruzioni, oltre agli aspetti curati nei minimi particolari si considera anche il contesto, la tecnologia all’avanguardia, la classe energetica e gli spazi dedicati al relax e al benessere, come fitness room. Gli immobili d’epoca, con affreschi, travi a vista e scalinate importanti attirano sempre, ancor di più se con affacci su piazze o monumenti.

 Immobili di prestigio: i prezzi nelle varie città

L’analisi di Tecnocasa si è poi concentrate su singole città scoprendo che a Milano, Garibaldi/Moscova/Porta Nuova sono tra le zone più richieste di Milano, interessate da diversi interventi immobiliari che hanno attirato anche molti investitori internazionali ma anche Brera rimane sempre affascinante, infatti il numero di compravendite è nettamente inferiore alla richiesta di acquisto, in quanto difficilmente chi ha proprietà in questa zona decide di privarsene.
In termine di valorizzazione via Moscova, corso Garibaldi, via Varese, via Volta e via San Marco, hanno valori medi di € 7.000/mq per immobili da ristrutturare, € 8.000-10.000/mq in buono stato e punte di € 14.000/mq per le soluzioni nuove.

A Bologna invece le zone del centro hanno registrato un aumento dei prezzi del 2%. Il numero di richieste di acquisto è in continua crescita mentre l’offerta è in diminuzione.

Il centro di Firenze invece vede prezzi in crescita del 3% grazie al trend che ha interessato gli immobili di Santa Maria Novella. In questa zona della città acquistano soprattutto investitori interessati agli affitti turistici. Molti immobili presenti sono vincolati dalle Belle Arti e, talvolta, sono pezzi d’epoca, di tipologia signorile.

Prezzi stabili invece nel cuore di Roma nella prima parte del 2019. Continua ad essere forte la domanda di acquisto per investimento con finalità turistica anche se, negli ultimi tempi, è orientata su tagli grandi per ricavare 8-10 posti letto. Si registra una buona richiesta di immobili di prestigio sia da parte di famiglie romane sia da stranieri. Fondamentale in questi casi la presenza dell’ascensore, la panoramicità, lo spazio esterno e la luminosità. Su questi immobili si possono toccare anche top price di 14-15 mila € al mq raggiungibili in piazza di Spagna.
In piazza del Popolo e in via del Babuino le quotazioni medie sono di 8000-9000 € al mq. Nelle altre zone del centro di Roma i prezzi scendono mediamente a 5000-6000 € al mq per raggiungere valori di 7000-8000 € al mq per quelle posizionate in via Veneto, Fontana di Trevi e piazza Navona.

A Napoli, nella zona di Petrarca-Orazio le tipologie da 90-100 mq sono molto richieste ma difficili da trovare dal momento che l’offerta immobiliare interessa soprattutto tipologie di metratura più ampia. Si possono toccare punte di 8000-9000 € al mq contro una media della zona di 6000 € al mq.

Prezzi in lieve aumento a Torino in via Lagrange, via Roma, via della Rocca e Piazza Bodoni nella prima parte del 2019, determinato da acquirenti decisi che hanno investito qualcosa in più pur di assicurarsi l’immobile desiderato.