Il petrolio segna una forte impennata settimanale

13 Gennaio 2023, di Gianmarco Carriol

I prezzi del petrolio sono saliti oggi e si avviavano a guadagnare circa l’8% sulla settimana grazie ai solidi segnali di crescita della domanda da parte del principale importatore al mondo, la Cina, e alle aspettative di aumenti dei tassi di interesse meno aggressivi negli Stati Uniti.

I future sul greggio Brent sono aumentati dello 1,12%, a 84,97 dollari al barile. Il greggio West Texas Intermediate (WTI) ha guadagnato l’1,45%, a 79,50 dollari al barile.

Il Brent è salito del 7,3% finora questa settimana e il WTI del 7,1%, recuperando la maggior parte delle perdite della scorsa settimana.

Gli analisti hanno affermato che i recenti acquisti di petrolio cinese e una ripresa del traffico stradale hanno alimentato la fiducia di una ripresa della domanda nella seconda economia più grande del mondo dopo la riapertura dei suoi confini e l’allentamento dei limiti del Covid-19 dopo le proteste dello scorso anno.

“I guadagni sono delineati mentre i trader guardano avanti a un ulteriore calo dell’offerta russa e alla normalizzazione della domanda di carburante cinese”, ha detto l’analista petrolifero di PVM Stephen Brennock, che ha aggiunto:

“Prima di allora, tuttavia, non si possono scontare nuovi attacchi di vendita data l’attuale debolezza del bilancio petrolifero”.

I prezzi del petrolio sono stati sostenuti anche dal crollo del dollaro al minimo di quasi nove mesi, dopo che i dati hanno mostrato che l’inflazione statunitense è scesa per la prima volta in 2 anni e mezzo, rafforzando le aspettative che la Federal Reserve possa rallentare il ritmo dei tassi escursioni. Un biglietto verde più debole tende ad aumentare la domanda di petrolio, in quanto rende la merce più economica per gli acquirenti che detengono altre valute.