Il calo delle esportazioni Usa in Cina da inizio anno

15 Settembre 2019, di Massimiliano Volpe

 

Le esportazioni Usa in Cina sono diminuite del 18,2% nei primi sette mesi del 2019 e il flusso nella direzione opposta è sceso del 12,3%, secondo quanto rilevato dal dipartimento del Commercio statunitense.

Un dato che corrisponde allo 0,3% del Pil Usa e a una perdita di 300mila posti di lavoro. E’ questo il costo già pagato dagli Stati Uniti nella guerra dei dazi dichiarata dal presidente Trump alla Cina. La stima è di Moody’s Analitics, secondo il quale, a colpi di tariffe, le due superpotenze hanno affossato il proprio interscambio commerciale:

Gli analisti di Moody’s mettono in guardia dalla escalation della guerra commerciale, sottolineando come sia Trump che la sua controparte cinese Xi Jinping si siano lanciati in una pericolosa retorica, secondo la quale i rispettivi Paesi sarebbero abbastanza forti da reggere le conseguenze dello scontro.

Moody’s però avvisa che in questo gioco, o entrambi i Paesi fanno un passo indietro, e presto, oppure potrebbe diventare troppo tardi per evitare danni seri e una recessione globale.