HTC blocca produzione dei nuovi tablet dotati di Windows

31 Maggio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Da Taiwan arriva un brutto colpo per Microsoft. HTC, grande gruppo di tablet e smartphone, ha deciso di scartare definitivamente l’ipotesi di introdurre sul mercato un tablet con montato il sistema operativo Windows di Microsoft. Come causa dello stop improvviso alla produzione e’ stata citata la scarsa domanda che si prevede riscontrera’ il dispositivo, di per se innovativo, ma troppo caro per l’aziendda in crisi di fondi.

Questa decisione di non mettere piu’ in commercio i dispositivi e’ dovuta in parte agli eccessivi costi e anche al fatto che, come detto, molti rivenditori sia negli Stati Uniti che in Corea del Sud hanno manifestato poco interesse nei confronti dei tablet con Windows incorporato.

Al flop ha contribuito la confusione creata da Microsoft con il lancio di un sistema operativo ibrido, a metà strada tra un software dedicato ai dispositivi portatili dotati di touch screen e il piu’ tradizionale Windows 8 per computer fissi e portatili.

I manager del gruppo asiatico rimangono comunque sempre intenzionati a lanciare un tablet da 7 pollici, con una versione di Windows 8 entro la fine dell’anno, stando a quanto riportato da Bloomberg

HTC sta attraversando un periodo di crisi, dovuto a due fattori principalmente: il calo delle vendite e una diminuzione del fatturato. Questo ha spinto l’azienda ad essere più selettiva e prendere decisioni difficili.

Un tablet con uno schermo da 12 pollici e’ stato ritenuto troppo costoso rispetto alle potenzialita’ di guadagno da esso derivanti. La società ora punta a una riduzione dei costi e al lancio di un tablet più piccolo, che probabilmente vedra’ la luce verso settembre o ottobre di quest’anno.