Grano: Russia salva l’accordo con l’Ucraina. Ripartono le navi nel Mar Nero

2 Novembre 2022, di Alessandra Caparello

E’ il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ad annunciare la ripresa delle esportazioni di grano ucraine attraverso il corridoio umanitario nel Mar Nero. “Dopo l’incontro di ieri con Putin, le spedizioni di grano continueranno da mezzogiorno di oggi come previsto”, ha detto Erdogan. “Il presidente ha parlato ieri con Erdogan. La conversazione è stata lunga. Ma la Russia sta ancora sospendendo la sua partecipazione a causa dell’incapacità di garantire il passaggio sicuro delle navi” ha detto ai giornalisti il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

Grano: cosa è successo tra Russia e Ucraina

I cargo carichi di cereali ucraini, essenziali per la sicurezza alimentare globale, sono rimasti bloccati nei porti dopo che la Russia ha annunciato sabato la sospensione del suo coinvolgimento nell’Iniziativa del Mar Nero per i cereali, che consentiva l’esportazione di prodotti agricoli vitali da diversi porti ucraini.

Mosca ha chiesto garanzie per proteggere la flotta russa nel corridoio marittimo dedicato alle esportazioni, dopo attacchi attribuiti a Kiev, nel mezzo della guerra contro l’Ucraina. Da qui ha poi annunciato il ritiro dall’accordo per un periodo indefinito dopo aver accusato l’Ucraina di un “massiccio” attacco con i droni alla flotta del Mar Nero a Sebastopoli, in Crimea. L’Ucraina non ha dichiarato se sia responsabile dell’attacco e il presidente Volodymyr Zelenskyy ha detto che il ritiro della Russia dall’iniziativa era “piuttosto prevedibile”.

Il Ministero degli Esteri ucraino ha dichiarato che la Russia ha sospeso la sua partecipazione all’accordo sul grano con il “falso pretesto di esplosioni a 220 chilometri di distanza dal corridoio del grano” e che in questo modo sta bloccando “due milioni di tonnellate di grano su 176 navi già in mare”. Dall’inizio della guerra, a febbraio, Mosca è stata accusata di aver armato esportazioni chiave come il gas e il grano, sia nel tentativo di fare pressione sulla comunità internazionale, sia per ottenere un alleggerimento delle sanzioni. Mosca ha negato tutto ciò e ha accusato l’Ucraina di estrarre le sue acque, impedendo così l’esportazione sicura di prodotti agricoli come grano, mais e colza, su cui molti Paesi fanno affidamento.

Molte delle navi che hanno lasciato l’Ucraina negli ultimi mesi, nell’ambito dell’accordo sul grano, erano dirette a porti europei e africani. Il presidente ucraino ha dichiarato domenica sera che il ritiro di Mosca dall’iniziativa sul grano, che doveva comunque essere rinegoziata a novembre, avrebbe esacerbato una crisi alimentare globale con i Paesi dell’Africa, e in particolare l’Etiopia, a rischio di una grave carestia.

La mossa di Mosca è “un’intenzione assolutamente trasparente della Russia di riportare la minaccia di una carestia su larga scala in Africa e in Asia”, ha detto domenica Zelenskyy, aggiungendo che “l’accesso al cibo è effettivamente peggiorato per più di sette milioni di consumatori”.

Le Nazioni Unite e la Turchia, che hanno aiutato l’Ucraina e la Russia a raggiungere l’accordo sul grano nel mese di luglio, hanno cercato di salvare l’accordo proponendo che le delegazioni della Turchia e delle Nazioni Unite forniscano “10 squadre di ispezione per ispezionare 40 navi in uscita”.

Oggi le indicazioni giunte dal presidente turco Erdogan di ripresa di traffico delle navi con grano ucraino nel mar Nero. Subito dopo la Russia ha annunciato la ripresa della sua partecipazione all’accordo sulle esportazioni di grano ucraine dopo aver ricevuto “garanzie scritte” dall’Ucraina sulla smilitarizzazione del corridoio utilizzato per il loro trasporto.

“La Russia ritiene che le garanzie ricevute finora sembrino sufficienti e sta riprendendo l’attuazione dell’accordo”, ha detto il ministero della Difesa russo su Telegram. “Siamo riusciti a ricevere garanzie scritte dall’Ucraina che non utilizzerà il corridoio umanitario e i porti ucraini coinvolti nell’esportazione di beni agricoli per condurre attività militari contro la Russia, queste” garanzie scritte “sono state inviate al Centro di coordinamento congiunto il primo novembre 2022”, afferma il ministero della Difesa di Mosca, aggiungendo che “la Russia ritiene che le garanzie ricevute a questo punto siano sufficienti e riprende l’attuazione dell’accordo”.

“Accolgo con favore il ritorno della Federazione Russa all’attuazione dell’Iniziativa sul grano del Mar Nero per facilitare le esportazioni di cibo e fertilizzanti dall’Ucraina. Sono grato per la facilitazione turca. Non vedo l’ora di lavorare di nuovo con tutte le parti dell’Iniziativa”, ha scritto su Twitter il coordinatore delle Nazioni Unite per l’Iniziativa sul grano del Mar Nero, il sudanese Amir Mahmoud Abdulla, dopo l’annuncio.