GOVERNO USA DA’ UNA MANO ALLE MEGA-FUSIONI

31 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

La Federal Communication Commissions (F.C.C.) ha allentato i regolamenti sulle concentrazioni nel settore dei media, preparando nuove norme sulla proprieta’ e sulle possibili concentrazioni.

Le norme rischiavano infatti di essere ormai obsolete, per stessa ammissione dei responsabili governativi, soprattutto dopo l’ingresso delle nuove tecnologie, quali televisione satellitare e Internet ad alta velocita’.

Rimetter mano ai regolamenti approvati nel 1996 era ormai inevitabile: molte restrizioni erano gia’ state di fatto scavalcate da un’ondata di fusioni nel settore, rendendo i limiti una pura affermazione di principio.

Il cambiamento facilitera’ il perfezionamento di importanti progetti di fusione nel comparto: l’acquisizione della CBS da parte di Viacom (VIA); l’acquisto, tutt’ora in corso di perfezionamento, del Times Mirror (TME) da parte della Tribune Company (TRB); la fusione di MediaOne (UMG) e AT&T (T) e quella tra America Online (AOL) e Time Warner (TWX).