Goldman Sachs e Commerzbank sempre più verso le Criptovalute

21 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

La banca d’investimento americana Goldman Sachs sta facendo un altro passo verso l’industria delle criptovalute grazie ad un incontro tra il suo CEO e il fondatore e CEO dell’exchange di criptovalute FTX Sam Bankman-Fried.
Nel frattempo, anche la banca tedesca Commerzbank vuole rafforzare la sua offerta di criptovalute dopo aver richiesto una licenza cripto all’inizio di quest’anno.

Secondo quanto riferito, l’incontro tra Sam Bankman-Fried e il CEO di Goldman Sachs, David Solomon, si è concentrato sul fatto che Goldman potesse fornire una consulenza sui futuri round di finanziamento per FTX e sulla potenziale quotazione in borsa.

In particolare, il CEO di Goldman Sachs si è anche offerto di aiutare FTX negli incontri con le autorità di regolamentazione statunitensi, inclusa la Commodity Futures Trading Commission (CFTC), che sovrintende al mercato dei derivati. L’offerta arriva dopo che FTX, a marzo, ha presentato una proposta alla CFTC che le consentirebbe di vendere e regolare direttamente derivati ​​di criptovalute, senza intermediari tradizionali come Goldman Sachs.

L’incontro, si vocifera, si è svolto “ai Caraibi”. L’anno scorso FTX ha trasferito la sua sede da Hong Kong alle Bahamas, con Bankman-Fried che ha elogiato la nazione insulare per le sue normative crittografiche “progressiste e lungimiranti”.

Commerzbank richiede la licenza tedesca per criptovalute

All’inizio di quest’anno il colosso bancario tedesco Commerzbank  ha richiesto una “licenza di custodia per criptovalute” all’autorità di regolamentazione finanziaria del paese, BaFin. Se Commerzbank otterrà questa licenza, sarebbe la prima banca del paese a compiere un serio passo verso l’adozione delle valute  digitali.

Secondo indiscrezioni sono almeno 25 domande presentate per ottenere la licenza e ora in attesa della decisione finale da parte dell’autorità di regolamentazione. Non è chiaro quando la licenza verrà  rilasciata a Commerzbank.

La mossa di Commerzbank arriva dopo che nel dicembre dello scorso anno è stato riferito che la banca stava lavorando “intensamente” su progetti legati alle criptovalute .

Corsa all’interno del sistema bancario tradizionale

Secondo Mikkel Morch, direttore esecutivo del crypto hedge fund ARK36, le mosse dei giganti bancari sono solo alcune delle mosse più recenti prese dalle banche tradizionali che stanno prendendo provvedimenti nella direzione dell’adozione delle criptovalute nei paesi in cui ciò è possibile.

“La scorsa settimana, una domanda del genere è stata presentata da una banca in Portogallo. Ora, una delle più grandi banche in Germania vuole offrire servizi di custodia e scambio di criptovalute. Laddove le banche tradizionali e di grandi dimensioni fino a poco tempo fa vedevano le criptovalute come una concorrenza e le evitavano, ora iniziamo a vedere l’adozione anche da parte di alcuni degli attori più conservatori nel campo bancario “, ha affermato Morch in un commento.

Morch ha poi aggiunto che le mosse possono essere viste come “l’inizio di una corsa all’interno del mondo bancario tradizionale per ottenere un vantaggio competitivo” diventando la prima banca a offrire criptovalute in una determinata giurisdizione.

“Inevitabilmente, questo accelererà solo l’adozione delle criptovalute come servizio finanziario tradizionale”, ha inoltre affermato Morch, aggiungendo che “… mostra anche che la domanda è già così alta nell’intero spettro dei clienti bancari che costringe le entità che in precedenza erano ostili alle criptovalute a cambiare completamente rotta”.