Gli Stati Uniti? Sono già in recessione. Parola di Cathie Wood (Ark Invest)

28 Giugno 2022, di Gianmarco Carriol

L’amministratore delegato di Ark Invest Cathie Wood ha dichiarato oggi che gli Stati Uniti sono già in recessione e ha ammesso di aver sottovalutato la gravità e il potere duraturo dell’inflazione.

“Pensiamo che siamo in recessione. Riteniamo che le scorte siano un grosso problema […] non ho mai visto un aumento così grande nella mia carriera”.

Wood ha affermato che l’inflazione si è rivelata più alta di quanto si aspettasse a causa di interruzioni della catena di approvvigionamento e rischi geopolitici. L’inflazione misurata dall’indice dei prezzi al consumo è aumentata dell′8,6% a maggio rispetto a un anno fa, l’aumento più rapido dal dicembre 1981.

Cathie Wood ha affermato che i consumatori stanno avvertendo i rapidi aumenti dei prezzi, che si riflettono nei dati sul sentiment i quali sono scesi ai valori dei minimi storici. Ha parlato in particolare delle indagini sui consumatori dell’Università del Michigan, che hanno mostrato una lettura di 50 a giugno, il livello più basso di sempre.

Stiamo davvero entrando in una recessione? Non tutti la pensano così

Il presidente della Federal Reserve di New York, John Williams, ha dichiarato sempre quest’oggi alla CNBC che si aspetta che l’economia statunitense scongiurerà la recessione, anche se ritiene siano necessari dei tassi di interesse significativamente più alti per controllare l’inflazione che impera attualmente.

“Una recessione non è il mio scenario base in questo momento. Penso che l’economia sia forte. Chiaramente le condizioni finanziarie si sono inasprite e mi aspetto che la crescita rallenterà un po’ quest’anno rispetto a quella dell’anno scorso. È un rallentamento che dobbiamo vedere nell’economia per ridurre davvero le pressioni inflazionistiche che abbiamo e abbassare l’inflazione”.

Williams ha affermato che è probabile che il tasso sui fed funds, che le banche si addebitano a vicenda per i prestiti overnight ma che stabilisce un punto di riferimento per molti strumenti di debito dei consumatori, possa salire al 3%-3,5% dall’attuale fascia obiettivo di 1,5%-1,75%.

“La mia proiezione di base è che dobbiamo entrare in un territorio alquanto restrittivo il prossimo anno, data l’elevata inflazione, la necessità di ridurre l’inflazione e di raggiungere davvero i nostri obiettivi. Ma quella proiezione è tra circa un anno. Naturalmente, dobbiamo essere dipendenti dai dati”, ha affermato Williams.

Dati che recentemente hanno indicato un quadro di crescita in forte rallentamento: un indicatore della Fed di Atlanta, che tiene traccia dei dati sul PIL in tempo reale, segnala un tasso di crescita dello 0,3% per il secondo trimestre dopo un calo dell′1,5% nel primo trimestre.

Ark Invest non si ferma

Tornando ad Ark Invest, la società guidata da Cathie Wood ha avuto un 2022 molto difficile poiché i titoli tecnologici sono quelli che hanno performato nel modo peggiore quest’anno, di fronte all’aumento dei tassi d’interesse. Il suo fondo attivo di punta Ark Innovation ETF (ARKK) è sceso del 52% da inizio anno, in calo del 66% dal suo massimo di 52 settimane.

Tuttavia, Wood ha affermato che i suoi clienti sono per lo più con lei e ulteriore capitali stanno arrivando, mentre gli investitori cercano la diversificazione in un mercato al ribasso. Il fondo ARKK ha avuto più di $180 milioni di afflussi nel mese di giugno, secondo FactSet.

“Penso che gli afflussi stiano avvenendo perché i nostri clienti si sono diversificati rispetto a benchmark di ampia portata come il Nasdaq 100. Ci dedichiamo completamente all’innovazione disruptive. L’innovazione risolve i problemi”.