Gli investitori italiani sono fra i più pessimisti d’Europa

24 Maggio 2016, di Alberto Battaglia

Molta diffidenza, poca consapevolezza e una strategia di breve periodo caratterizzano il rapporto fra gli italiani e i propri investimenti finanziari: secondo l’ultima edizione del Global Investment Survey 2016 solo il 55% degli investitori italiani è ottimista riguardo i propri investimenti nei prossimi 12 mesi, soltanto i francesi sono più pessimisti degli investitori del nostro Paese.

L’ottimismo presente appena un anno fa, prima delle turbolenze che hanno caratterizzato l’inizio del 2016, era decisamente più elevato, al 63%, dato confermato dal fatto che il 77% degli italiani dichiara di aver assunto un atteggiamento più prudente rispetto a un anno fa.

L’indagine, svolta dal gestore Legg Mason Global, mostra che la maggioranza dei timori provengono dall’instabilità economica globale, piuttosto che dalle prospettive dell’Italia, e che, in particolare, l’86% degli intervistati ritiene che la recente volatilità sui mercati sia qualcosa che non si era mai visto in precedenza.

La propensione a investire con un orizzonte di breve periodo, che caratterizza il 56% degli italiani, con la maggiore percentuale in Europa (la cui media è del 39%), è collegata alla stretta osservazione delle misure delle Banche centrali (che guidano il 55% degli investitori), piuttosto che da quella sulle condizioni macroeconomiche (influenti per il 45% degli intervistati).

Per quanto riguarda la consapevolezza, infine, non sorprende osservare che la quota di investitori che non comprendono appieno i prodotti sui quali rischiano i propri soldi sia più consistente in Italia rispetto alla media europea (62% contro una media del 56%): è noto, infatti, quanto l’educazione finanziaria media, in Italia, sia inferiore rispetto a quella della maggioranza degli altri Paesi europei.

Anche per questo “la complessità dei mercati deve essere la leva che spinge gli investitori a rivolgersi a player esperti che possano guidarli sui mercati e al tempo stesso educarli alla comprensione dei prodotti e delle strategie di investimento ”, dichiara Marco Negri, country head per l’Italia di Legg Mason Global.